ART Breaking NEWS

Analisi di Stefano Paganetto alla composizione degli organici dei campionati dall'Eccellenza alla Seconda Categoria


E’ stata una settimana intensa per la Figc Veneta presieduta da Giuseppe Ruzza ma ora la stagione 2017/18 prende forma. E’ stata formalizzata la composizione di tutti gli organici dei campionati dall’Eccellenza alla Seconda Categoria e naturalmente l’augurio è che sia definitiva, anche perché in passato non sono mancati i cambiamenti.

In Eccellenza ci saranno dieci compagini veronesi al via e mai in passato Verona ha potuto contare su un numero così elevato, anche se purtroppo pesa l’assenza di squadre della bassa. Quattro team provengono dall’Est veronese: Belfiorese, Calcio Caldiero Terme, Provese e San Martino Speme; attenzione poi alle nobili decadute Vigasio e Villafranca e poi ci sarà l’incognita Valgatara. Il raggruppamento è completato da quattro vicentine (Cartigliano, Marosticense, Montecchio Maggiore e ValdagnoVicenza) e due padovane (Pozzonovo e Vigontina San Paolo).

Il torneo di Promozione torna a essere misto e questo non succedeva dalla stagione 2013/14 quando in quell’occasione c’era la vicentina Lonigo. Quest’anno le squadre fuori provincia sono la padovana Castelbaldo Masi, la rodigina Badia Polesine e le vicentine Longare Castegnero e Seraticense. Si segnalano le neo promosse Albaronco e Croz Zai, al loro esordio in Promozione e la retrocessa dal campionato d’Eccellenza Oppeano.

In Prima Categoria segnaliamo le neo promosse Calcio Calmasino 2003, Mozzecane e Team San Lorenzo: tutte e tre sono state inserite nel girone A, mentre il Pozzo è stato collocato nel B. Nel raggruppamento A c’è anche la retrocessa dal campionato di Promozione Olimpica Dossobuono e il Real Grezzanalugo, nata dalla fusione di Union Grezzana e Real GrezzanaLugo Valpantena. Nel girone B è stata dirottata la Scaligera 2003, la retrocessa Nogara e la novità Fc Atletico Cittàdicerea; a completare il raggruppamento è stata inserita la vicentina Lonigo.

Le differenze sostanziali rispetto alla passata stagione si riscontrano in Seconda Categoria. Nel girone A stupisce la collocazione del Corbiolo e del Lessinia; a completare il raggruppamento ci sono le retrocesse dalla Prima Categoria Juventina Valpantena e Pastrengo 2006 e le ripescate dalla Terza Colà Villa dei Cedri e Malcesine. Nel girone B vale la stessa cosa detta prima e sorprende l’inserimento del San Peretto; ci sono poi le retrocesse dalla Prima Categoria Audace e Gabetti Valeggio, le neo promosse SommaCustoza 08 e United Sona Psg, la ripescata Olimpia Ponte Crencano e il Castel d’Azzano. Nel girone C sono state collocate tutte quelle squadre veronesi che nella passata stagione sono state protagoniste nella Terza Categoria vicentina: la trionfante in campionato Giovane Santo Stefano, la vittoriosa ai play off Sporting Badia Calavena e le ripescate Bo.Ca. Junior e Gazzolo 2014. Nel girone D sono state inserite Bonavigo 1961 e Roverchiara, che hanno vinto, rispettivamente campionato di Terza e Coppa Verona; la vincente dei play off Aurora Marchesino e la ripescata Bonarubiana. Il raggruppamento è stato completato dall’Atletico Vigasio, dalla retrocessa della Prima Categoria SanguinettoVenera e dal Villabartolomea che ha occupato il posto lasciato libero dall’Asparetto Cerea Sud.