ART Breaking NEWS

Blues Made In Italy 2017, sabato 7 a Cerea


Risultati immagini per blues made in italy 2017Sabato 7 ottobre 2017, nei padiglioni dell'Area Exp, si terrà l'ottava edizione del raduno nazionale "Blues Made In Italy", organizzato dall'omonima associazione culturale no-profit. Un evento importante, e che gode di attenzione e considerazione all'interno della scena blues italiana e internazionale.

 

"L'idea di questo raduno - spiega Lorenz Zadro, che ha fondato e presiede l'associazione che organizza l'evento - è nata con l'intento di convogliare sotto un unico tetto le tante rappresentanze che si adoperano a tutt'oggi nella divulgazione di tale cultura (artisti, appassionati, associazioni, riviste, radio, siti specializzati, etc...) cercando di rendere più possibilmente sinergico il lavoro di promozione del blues in Italia.  Ad oggi, il raduno nazionale ha un richiamo di circa 5.000 visitatori provenienti da tutta Italia e in numero crescente anche dall'estero. La grande affluenza della manifestazione, ad oggi considerata come la più grande fiera del blues in Italia, ci ha concesso di guardare oltre e di ampliarci su due padiglioni per un totale di oltre 4.000 mq., oltre all'area esterna".

 

Per quanto riguarda la parte più prettamente artistica, Zadro illustra il ricco panorama di artisti che suoneranno a Cerea il 7 ottobre: "Il manifesto di quest'anno vede in bella mostra la presenza dello statunitense John Lee Hooker, musicista molto influente in ambito blues (ma anche rock) di cui quest'anno ricorre il centenario dalla nascita. 

Per l'occasione molti musicisti volgeranno a lui un tributo, attraverso brani che hanno fatto la storia di questo genere musicale. Tra i principali rappresentanti del blues italiano, in questa edizione si esibiranno i Limido Bros, Angelo 'Leadbelly' Rossi & Stefano Zabeo, Maurizio Bestetti, One Man Bluez e Maurizio Pugno. Tra le novità di quest'anno, mi inorgoglisce la presentazione, che si terrà per la prima volta proprio in occasione del raduno nazionale di Cerea (l'editore ha scelto come data di uscita li 7 ottobre) del libro 'Rory Gallagher: Il bluesman bianco con la camicia a quadri' a cura di Fabio Rossi, prima biografia in italiano per il cantante-chitarrista irlandese, sicuramente un altro motivo di richiamo per tantissimi appassionati".

 

Il sindaco Marco Franzoni esprime la propria soddisfazione per il valore assunto dal festival, e per il risalto che questo può dare alla città: 

"Si tratta di un evento di portata internazionale, unanimemente riconosciuto come il più importante d'Italia e uno dei principali a livello europeo, ed ospitarlo nella nostra Cerea è grande motivo di orgoglio, per il quale va sicuramente un plauso agli organizzatori".

 

"Siamo ben felici - afferma la consigliere delegata alla Cultura, Martina Farronato - di vedere un evento culturale di questa portata nascere e crescere nella nostra città: è qualcosa che dà lustro a Cerea, e quindi come Amministrazione non possiamo che esserne felici".