ART Breaking NEWS

Castel d'Azzano vuole ancora stupire


Dopo la splendida stagione di quest’anno, culminata con una vittoria netta in campionato nel girone B di Seconda Categoria e senza aver subito sconfitte, il Castel d’Azzano vuole ancora stupire e continuare a recitare un ruolo da protagonista anche in Prima.

Punto fermo è stato la conferma dell’allenatore: infatti sarà ancora Adelchi Malaman ad allenare la squadra bianco-rossa .

Come da prassi, squadra vincente non si cambia, anche la rosa non ha subito particolari rivoluzioni e gran parte dei giocatori ha deciso di restare.

Le operazioni in entrata del Castel d’Azzano sono in difesa, che è stata rafforzata con l’arrivo dall’Oppeano di Michele Colognese e dall’Alpo Lepanto di Stefano Saggiotto; a centrocampo sono stati presi Nicola Milani dall’Alpo Lepanto e Manuel Pauciullo dal San Zeno; in attacco segnaliamo un gradito ritorno, Daniele Magagna, che quest’anno è stato fermo.

I movimenti in uscita sono il difensore Mattia Picolboni e l’attaccante Stefano Tosi, che hanno preferito rimanere in Seconda Categoria e si sono accasati all’Alpo Club 98; il centrocampista Michele Sandrini lascia per problemi di lavoro e il centrocampista Fabio Tovo non farà più parte della squadra per scelte societarie.

Così l’attuale direttore sportivo Roberto Fantoni, in passato pure presidente del Castel d’Azzano:
“Si può dire che siamo pronti per la prossima stagione 2013/14 di Prima Categoria. Il nostro obiettivo dichiarato è di confermarsi, anche se in paese si vorrebbe qualcosa di più. Naturalmente sarà poi il campo a emettere la sentenza sul nostro effettivo valore, anche perché ci saranno altre squadre attrezzate e che sono state costruite per stare nelle posizioni di vertice: ad ogni modo, noi non ci nasconderemo, cercheremo di dire la nostra e di far bene con qualunque avversario”.
 
Stefano Paganetto

adelchi.jpg