ART Breaking NEWS

Chievo / Roma 3-3


Spettacolare, e meritato, pareggio del Chievo al Bentegodi con la Roma. Maran riconferma per nove undicesimi la squadra che bene si era comportata nelle ultime gare sostituendo Gobbi con Frey sulla fascia sinistra e inserendo Cesar al centro della difesa per Dainelli. La Roma, priva di molti titolari, gioca chiusa in difesa pronta a ripartire e, proprio un rilancio di Digne trova pronta la sgroppata Gervinho che, una volta in area, ubriaca, con le sue finte, mezza difesa poi mette sul secondo palo dove il giovanissimo Sadiq brucia Frey e mette in rete. Passano pochi minuti e il Chievo potrebbe pareggiare ma Castro, servito in mezzo all’area, spara alto. S’infortuna Meggiorini ed è sostituito da Inglese. Al ventesimo, intelligente punizione di Birsa per Frey il cui tiro è deviato in angolo. Alla mezzora, nell’inseguire Sadiq, si blocca Gamberini che lascia il posto a Dainelli. Subito dopo, un errato disimpegno di Cesar, permette a Florenzi di entrare in area e battere Bizzarri. Sul finire del tempo insistita azione di Inglese che, in mezzo a tre difensori, riesce a girare, il portiere smanaccia sul palo dove Paloschi anticipa tutti per la sua settima rete in campionato. La ripresa vede i clivensi buttarsi tutti in avanti e, al dodicesimo, raggiungere il pari. Perfetto angolo di Birsa piattone di sinistro di Dainelli e palla nel sacco.  Intorno alla mezzora, la difesa non è pronta a liberare e, Jago Falque, dal limite, batte Bizzarri. Maran richiama Birsa per Pepe e, l’ex juventino, diventa subito protagonista. C’è una punizione ai venti metri, spostata verso il vertice sinistro dell’area giallorossa. Il tiro a giro, del neo entrato, colpisce in pieno il palo ed è ribattuto dal portiere che si ritrova, fra le braccia il successivo tap in di Castro ma l’arbitro, Irrati di Pistoia, grazie al Goal Line Technology decreta il goal che le immagini televisive confermeranno. Il pareggio sembra accontentare entrambe le squadre, anche se il Chievo avrebbe, nel secondo tempo, meritato la vittoria. Ventitré punti, alla penultima giornata d’andata, sono un buon bottino per una squadra dimostratasi molto viva anche se con qualche amnesia pericolosa in fase di disimpegno.