ART Breaking NEWS

Hellas Verona / Brescia 2-2


L'Hellas non va oltre il pareggio nella bella sfida con il Brescia al Bentegodi. L’assenza di Pisano obbliga Pecchia a schierare Romulo basso, a destra, mentre, in avanti, sulla sinistra, rientra Luppi. Dopo alcuni minuti di studio, l'errore di un difensore permette a Siligardi d’involarsi verso l’area ma, l’ex livornese, insiste nel tenere la palla, invece di servire lo smarcato Luppi e l’azione sfuma. Subito dopo Torregrossa, ex voglioso di mettersi in mostra, segna ma in evidente fuori gioco. Al decimo, anche per la temperatura atmosferica, sembra di essere su una pista da sci. Romulo, dalla tre quarti, prende palla, supera come paletti di uno slalom quattro avversari e, sull’uscita del portiere, prova il cucchiaio che si stampa sul palo. Poco dopo il ventesimo un intervento di Bianchetti di testa su Caracciolo è punito dall’arbitro con una punizione dalla lunetta dell’area. La barriera commette qualche errore e il forte tiro dell’Airone s’insacca a fil di palo. L’Hellas riprende ad attaccare e un pallonetto di Pazzini, alla mezzora, sfiora l’incrocio. Nella ripresa Pecchia lascia negli spogliatoi uno spento Valoti e un inconcludente Luppi per Ganz e Gomez. La scelta porta il Verona a schierarsi con un 4-2-4 e costringe le rondinelle a rintanarsi nella propria metà campo. Al settimo, un lungo lancio di Romulo è raccolto da Pazzini che, con un bel movimento batte Minelli con pallone che bacia entrambi i pali prima di finire fondo al sacco. Passano due minuti e Caracciolo supera Nicolas ma, miracolosamente Bianchetti, salva sulla linea però il pallone non è allontanato e, dopo una serie di rimpalli, Torregrossa riporta il Brescia in vantaggio. Al quarto d’ora Pazzini offre una palla d’oro a Ganz che prima manca il tiro quindi riesce a deviare senza però impensierire il portiere.  Anche Juanito si vede annullare una rete per fuori gioco. Poco prima della mezzora un lungo lancio di Bianchetti raggiunge Pazzini che, in piena area, è messo giù da Bubnjic. Rigore ineccepibile e solo giallo per il difensore croato. Pazzini trasforma con un violentissimo tiro sotto la traversa.  L’Hellas ci crede e cerca disperatamente il successo che non arriva per un erroraccio di Siligardi che, a dieci dalla fine, preferisce il tiro, peraltro salvato bene da Minelli, all’appoggio a due compagni completamente liberi a centro area. Fossati, uno dei migliori in campo, è ammonito e, essendo in diffida, salterà Ascoli. Entra Zaccagni proprio per Siligardi ma il risultato non cambia.  Il pareggio, che interrompe la serie di quattro vittorie consecutive, avvicina ancora di più la vetta della classifica dove è fermo il Cittadella. Straripante Pazzini, alla terza doppietta consecutiva, arrivato a quota otto fra i marcatori. Da palati  fini l'azione di Romulo.