ART Breaking NEWS

Hellas Verona / Crotone 2-1


Missione compiuta, l’Hellas Verona batte, più nettamente di quanto dica il risultato, il Crotone, neo promosso nella massima serie. Rispetto alla gara con il Foggia, Fabio Pecchia si vede costretto a rinunciare, per problemi fisici, prima a Siligardi, acciaccato proprio contro i pugliesi, quindi a Viviani, fermato durante il riscaldamento e sostituito da Valoti mentre, in avanti, è Fares il prescelto. In difesa Romulo opera a sinistra mentre Pisano torna al proprio posto a destra. La partenza è degli scaligeri che, già al decimo, passano in vantaggio. Insistita azione di Romulo per Pazzini il cui tiro è respinto dal portiere, sulla palla s’avventa Fossati per il tap in vincente. L’Hellas continua a premere ma, un po’ per scarsa mira, un po’ per salvataggi miracolosi dei difensori, non riesce a raddoppiare. In risalto le sontuose ripartenze sia di Fares sia di Luppi che mettono in grande difficoltà il Crotone. Sul finire del tempo un’altra iniziativa di Fares è incredibilmente fallita da Pazzini a due metri dal portiere. La ripresa vede Nicola cambiare due giocatori  il nigeriano Simmy, un gigante di due metri, e lo svedese Rodhen. La novità procura subito i suoi effetti e i calabresi, grazie anche a un pasticcio difensivo, vanno vicino a goal ma Nicolas si salva. Sulla ripartenza Romulo, in posizione di centravanti, batte di testa ma Cordaz con un miracolo gli nega il goal.  Miracolo che anche Nicolas compie poco dopo uscendo a valanga su un avversario che si era sbarazzato di Romulo. Poco prima del ventesimo un lungo lancio della difesa trova Bianchetti fuori posizione e Simmy, pur ciabattando il pallone, riesce a pareggiare. Fusco richiama prima Greco per Zucolini quindi Luppi per Ganz. I due nuovi entrati, ma soprattutto l’ex bolognese, danno la scossa e, poco dopo il trentesimo, l’Hellas raddoppia. Velocissima ripartenza di Romulo che, dal limite dell’area, serve uno splendido assist a Zucolini che supera, per la seconda volta, Cordaz. C’è il tempo per vedere scendere in campo sia il veronese, di Isola della Scala, ex Virtus B.Venezia, Andrea Nalini sia Pawel Wszolek quindi Carmine Russo manda tutti sotto la doccia. Salutare successo per gli scaligeri che, fra quindici giorni, debutteranno con il Latina. Bene centrocampo e attacco ancora qualche problema in difesa.