ART Breaking NEWS

HELLAS VERONA / INTER 0-2


L’Hellas Verona subisce, per l’ennesima volta, l’Inter ed esce sconfitto per 2-0 al Bentegodi.  Mandorlini, che deve fare a meno, per infortunio, di Hallfredsson, che ha appena rinnovato fino al 2017, e di Juanito Gomez, schiera, in mediana, Sala, al debutto dal primo minuto, Donati e Marquinho mentre in avanti, con Toni, Romulo a destra e Iturbe a sinistra.  Dopo un’azione dell’Hellas, l’Inter prende in mano le redini del gioco e, in due minuti, mette in pericolo la porta scaligera. Entrambe le volte Jonathan s’invola sulla destra, non trovando ostacoli da parte di Albertazzi, poi, dal fondo, crossa per Icardi che anticipa Moras e, la prima volta, colpisce la traversa, a Rafael battuto, mentre, la seconda, la sfiora solamente. E’ da poco passato il decimo che l’Inter, sempre, sulla corsia di destra sfonda. Jonathan, incontenibile in questo inizio di gara, brucia Albertazzi, che scivola nel contrasto, mette in mezzo e Palacio anticipa la difesa scaligera. Ottenuto il vantaggio, la squadra di Mazzarri, arretra il proprio baricentro mentre gli scaligeri invadono la metà campo avversaria. Prima della mezzora Marquinho con un tiro dalla distanza sfiora la base del palo poi, in un contrasto con Ranocchia, Toni finisce a terra ottenendo solo, da parte dell’arbitro Banti, l’ammonizione di Donati per proteste. Poi, ancora Toni è vistosamente trattenuto, con entrambe le mani da Rolando ma, per l’arbitro livornese, è tutto regolare. La ripresa vede l’Inter più aggressiva e pericolosa. Al decimo una punizione di Hernanes si stampa sulla traversa mentre, sette minuti dopo, una ripartenza di Jonathan, trova impreparata la difesa scaligera e, dopo un primo tiro, respinto da Rafael, lo stesso interista ribadisce in rete. Sotto di due reti l’Hellas sembra risvegliarsi, soprattutto con Iturbe che comincia a mettere in difficoltà la solida difesa interista. Poco prima della mezzora occasione d’oro per riaprire la gara. Marquinho, serve una palla proprio sulla testa di Moras che, a porta vuota, mette alto. Mandorlini prova a cambiare, prima fuori Cacciatore per Martinho, che va a sinistra mentre Romulo scala in difesa e Iturbe si colloca a destra, poi fa uscire Marquinho e Donati per Cacia e Cirigliano ma il risultato non cambia anche se, in pieno recupero, un gran tiro, dal limite, di Iturbe è deviato da Handanovic che, sulla ribattuta di Romulo, a colpo sicuro, si esalta in un miracoloso intervento. L’Hellas non riesce più a vincere al Bentegodi, pur dimostrando, di giocare, per larghi periodi della gara, alla pari con i più titolati avversari. Buona la prestazione di Sala piuttosto in ombra la difesa.

SALASALA