ART Breaking NEWS

Hellas Verona / Latina 4-1


Cala un ben augurante poker, l’Hellas Verona al debutto al Bentegodi contro il Latina. Fabio Pecchia schiera Pisano e il ritrovato Souprayen sugli esterni mentre Bianchetti ha come compagno il debuttante Antonio Caracciolo. A centrocampo Romulo, a destra, Fossati, al centro, e, l’ultimo arrivato, Bessa, a sinistra. In avanti Pazzini con ai lati Luppi e Fares. L’Hellas pigia subito sull’acceleratore e conquista 3 angoli in pochi minuti. Al decimo bella palla in profondità per Romulo che, quasi dal fondo, con un delizioso esterno, mette Luppi in condizione di appoggiare a porta vuota. Nemmeno il tempo di festeggiare che, un rinvio di testa di Bianchetti e raccolto, ai trenta metri, dal figlio d’arte Alessandro De Vitis che sferra un incredibile tiro che colpisce la faccia interna della traversa torna in campo carambola su Nicolas e s’insacca. E’ un’autorete ma il gesto tecnico del figlio del grande Totò è eccezionale. I gialloblù non demordono e, dopo meno di sei minuti, passano ancora. S’invola sulla destra Luppi che, dal limite, pennella un perfetto cross per Pazzini la cui girata di testa annichilisce Pinsoglio. Nuova arrembante azione dell’Hellas con Pisano, sulla destra, il cui traversone è lasciato da Pazzini per l’accorrente Bessa che, di destro, gonfia la rete. La rete galvanizza l’ex Como che imperversa in ogni zona del campo con giocate che deliziano i tifosi. Manca quasi un’ora alla fine ma la gara ha ormai poco da dire. La ripresa vede l’ingresso in campo di Juanito Gomez per Pazzini lasciato prudenzialmente a riposo per un fastidio al ginocchio. I gialloblù rallentano progressivamente il ritmo, indiavolato per tutto il primo tempo, ma i ciociari non ne approfittano. Pecchia richiama prima Luppi, per Zucolini, quindi, anche in questo caso per un piccolo problema, Fossati per Greco. A dieci dalla fine, perfetto invito di Pisano per Juanito che, con un morbido colpo sotto, batte, per la quarta volta, Pinsoglio. Termina con i quindicimila che festeggiano un debutto vittorioso che mancava, in Serie B, da molti anni. A completamente della splendida serata, prima dell’inizio della partita, il Presidente Setti e Luca Toni, hanno premiato il campione olimpionico Elia Viviani.