Hellas Verona / Salernitana 2-0


Torna alla vittoria l’Hellas Verona battendo, con una rete per tempo, al Bentegodi, la Salernitana. Pecchia, che recupera Fossati ma perde Bianchetti, conferma Boldor con  Caracciolo al centro della difesa, a centrocampo lancia, dal primo minuto, Bruno Zuculini, che aveva debuttato, per una manciata di minuti, a Latina, in coppia con Bessa, ai lati del regista Fossati mentre, in avanti, Luppi e Romulo supportano Pazzini. L’inizio di studio è caratterizzato anche da una certa confusione con il Verona che sembra ancora preda dei fantasmi laziali. Ci vuole, al quarto d’ora, un pericoloso tiro di Busellato, che attraversa tutto lo specchio della porta, per risvegliare i gialloblù che, poco dopo, passano in vantaggio. Bella apertura di Bessa per Pisano che, dal fondo, traversa forte e teso, sul pallone s’avventa Pazzini che di testa batte l’incolpevole Gomis. Zucolini, che gioca con grande grinta e determinazione, si becca un nuovo cartellino dopo quello di Latina. Prima dello scadere un gran tiro dal limite di Bessa sfiora il palo. La ripresa vede subito pericolosi i campani che, con Ronaldo, colpiscono un palo. Dopo una bella triangolazione Bessa Luppi Bessa con parata facile del portiere, la Salernitana ha l’occasione di pareggiare ma, Dalla Rocca, sbaglia un autentico rigore in movimento. Come nel primo tempo, dopo lo spavento, arriva la reazione e, al termine di una bella azione sulla destra, Zucolini serve un perfetto assist a Luppi che fulmina di destro Gomis. Pecchia richiama, prima, l’italo brasiliano per Zaccagni, quindi Luppi per Juanito Gomez e infine Bessa per Troianiello. Il desiderio di riaprire la gara dei campani li espone a pericolosi contropiedi che, però, un po’ per imprecisione un po’ per egoismo non vanno a buon fine. C’è il tempo di vedere due grandi parate, da una parte e dall’altra, prima Nicolas toglie dall’incrocio un gran tiro dalla distanza di Perico quindi Gomis nega, nel recupero, la gioia della doppietta a Pazzini. Il successo riporta l’Hellas solo in testa alla classifica allontanando il Frosinone in attesa del difficile e pericoloso anticipo di venerdì sera con il Benevento dell’ex Marco Baroni. Intanto Pazzini sale a quota diciassette nella classifica dei marcatori.