ART Breaking NEWS

Prima Categoria: cambiano Aurora Cavalponica e Isola Rizza


Panchine veronesi ancora in fermento, dopo il recupero della 17^giornata di campionato, seconda del girone di ritorno.
Nel girone B di Prima Categoria ne saltano ben due e cambiano Aurora Cavalponica e Isola Rizza, all’indomani delle sconfitte contro le vicentine Calcio Tezze e ChiampoArso.
Secondo avvicendamento stagionale per l’Aurora Cavalponica che ha esonerato Filippo Damini, che era arrivato a ottobre al posto di Salvatore Di Paola.
Dopo aver conquistato due promozioni consecutive dalla Terza alla Prima Categoria, la squadra è lontana da quei play off che era riuscita a centrare l’anno scorso.  L’Aurora Cavalponica ha preferito una soluzione interna e ha affidato la panchina a Luigino De Mori, già preparatore atletico della squadra.
L’Isola Rizza ha esonerato Andrea Calzolari e al suo posto ha chiamato Stefano Menini, mister che conosce bene il girone B: l’anno scorso ha allenato il Real Monteforte, centrando la salvezza senza passare dai play out.
Il direttore sportivo Franco Brunell motiva così l’esonero:
Nonostante la classifica difficile, resto della convinzione che siamo una buona squadra e che possiamo salvarci: non meritiamo il penultimo posto e in alcune gare siamo stati sfortunati e meritavamo di più. Ad ogni modo la società ringrazia il lavoro svolto da Calzolari in questi due anni che è stato qui con noi. Il gruppo ha bisogno di una scossa e mister Menini è la persona giusta che fa al caso nostro, visto anche la sua esperienza in categoria.”.
Così Stefano Menini
Ho avuto varie richieste quest’anno per allenare: alla fine l’Isola Rizza mi ha convinto e ora sono pronto per la nuova sfida, che non sarà per niente facile. Dovrò dare nuove motivazioni ai giocatori e spingerli a dare il massimo per cercare di restare in Prima Categoria. La salvezza diretta la vedo dura, cercherò di portare la squadra nella posizione migliore per affrontare i play out. Quest’anno festeggio le quattrocento presenze in panchina e sarebbe per me motivo d’orgoglio arrivarci con la salvezza dell’Isola Rizza.”.