ART Breaking NEWS

Roma / Hellas Verona 2-0


Con due goal subiti ,sul finale della partita, l’Hellas esce onorevolmente sconfitto dall’Olimpico di Roma. Mandorlini è costretto a molte sostituzioni rispetto alla gara con i Genoa, oltre agli indisponibili Rafael, Benussi, Martic, Sala e Hallfredsson, si sono aggiunti all’ultimo momento anche Rafa Marquez e Lazaros mentre, a Toni, è concesso un turno di riposo. In difesa operano Sorensen e Brivio esterni, Moras e Marques centrali, confermato il centrocampo con Tachtsidis, Obbadi e Ionita mentre il trio d’attacco è formato da Gomez, Nenè e Jankovic. Dopo un quarto d’ora di studio e di un certo timore reverenziale, l’Hellas comincia a uscire dal proprio guscio e a creare, soprattutto con un vivace Nenè e con un intraprendente Gomez alcuni problemi ai giallorossi e, sul finire di tempo, Juanito impegna severamente De Sanctis che devia alla sua destra dove non arrivano né Nenè né Jankovic. Al quarantesimo s’infortuna Obbadi e al suo posto entra Campanharo. La ripresa vede la Roma proiettata in avanti, ma la difesa regge e Gollini si dimostra molto attento. La Roma fa uscire capitan Totti e Ljajic per Florenzi e Gervinho mentre Mandorlini mantiene inalterata la propria formazione che sfiora il vantaggio con una punizione di Tachtsidis sfiorata da Nenè che supera il portiere ma esce sul fondo. Alla mezzora un disimpegno difficoltoso della difesa scaligera è raccolto da Florenzi che spara un gran tiro a filo d’erba che s’insacca alla sinistra di Gollini. Mandorlini richiama uno stremato Nenè per Toni e, sul finire Jankovic per Valoti ma, il pareggio non arriva e, al quarantesimo, la Roma raddoppia. Un rinvio di De Sanctis è raccolto da Destro, nel cerchio di centro campo, il romanista si gira e s’inventa uno spettacolare pallonetto che s’infila all’incrocio dei pali. Termina con una sconfitta e, con le prime due reti subite in trasferta, la proibitiva gara con la Roma ma i gialloblù hanno disputato una partita molto attenta e volonterosa e, un pareggio, non avrebbe fatto gridare allo scandalo. Bene la difesa ma tutti hanno contribuito alla buona prestazione. Adesso la speranza è che i molti infortunati possano essere disponibili per l’importante gara casalinga con il Cagliari.