ART Breaking NEWS

Una domenica particolare nel campionato di Promozione e Terza Categoria


Una domenica diversa dal solito nel campionato di Promozione con due gare dove lo sport del calcio va in secondo piano.

A Lugagnano la sfida tra Lugagnano e Cadidavid termina con un pareggio per zero a zero ma il risultato alla fine è solo un dato statistico che assegna un punto ad entrambe le squadre.

Al termine del primo tempo gli spogliatoi del Cadidavid vengono presi di mira da ignoti: spariscono portafogli, cellulari. 

La gara viene interrotta e sembra che le due squadre non vogliano riprendere, poi pensano che una rinuncia potrebbe portare ad una sconfitta per entrambe a tavolino e decidono di tornare in campo: ne esce un incontro che non regalerà più emozioni, quello che è successo toglie tutte le motivazioni.

A Dossobuono l'incontro tra Olimpica Dossobuono e Polisportiva Virtus è già segnato in partenza dal lutto che in settimana ha colpito la formazione di Giuseppe Bozzini: minuto di silenzio per dare l'ultimo saluto a Gianluca Brazzoli. L'incredibile arriva nella ripresa con l'arbitro che s'infortuna: la rabbia è tutta in casa Olimpica Dossobuono che stava conducendo due a zero. Ora dovrà recuperare la gara ma non è come succede nei campionati professionistici: si ripartirà dallo zero a zero e non dal minuto di sospensione. 

Anche in Terza Categoria nel girone A una gara non arriva al novantesimo: l'incontro tra Verona International e San Zeno Verona 1919 viene sospeso quando la squadra di casa conduce per 4-1. Sembra che tutto sia iniziato con offese a sfondo razziale della squadra ospite ma ora attendiamo risposte dal giudice sportivo che in settimana si pronuncerà su questo incontro.