ART Breaking NEWS

Vivigas Arena vince il derby contro Spakka Volley


VIVIGAS ARENA VOLLEY

 

CAMPIONATO SERIE B2

 

11^ GIORNATA - 10.01.15

 

Spakka Volley (Vr) - VIVIGAS Arena Volley 0-3

(15-25/14-25/23-25)

 

FORMAZIONE VIVIGAS ARENA VOLLEY: Bassani, Bissoli (1), Bovo (14), Canton, Fiocco (2), Girelli (1), Mazzi (14), Olioso, Palumbo (14), Perinoni, Sandrini (9). Liberi: Moschini, Galati. 1° Allenatore: Pillitu Greca 2° Allenatore: Mazzurega Loris Ass. Medico: Lo Sapio Francesca

SPAKKA VOLLEY (Vr): Broccanello, Campo, Corazza (4), Perumian (7), Pintani (8), Ranghiero, Stefanello (3), Stello A. (4), Stello E. (1), Trevisan, Turetta, Zeggio. Liberi: Borin. Allenatore: Scalzotto.

VIVIGAS Arena Volley ottiene il secondo posto in classifica, seppure in compagnia di Brescia e Bergamo, grazie ad una vittoria convincente contro lo Spakka Volley. Una vittoria per nulla scontata alla vigilia, nonostante la differenza di punteggio in classifica, perché Spakka Volley in casa aveva sempre fatto bene, mentre qualche maggiore difficoltà le aveva incontrate lontano da Villabartolomea. E poi perché un “derby” è sempre un “derby” ed è sempre partita aperta ad ogni possibile esito, invece VIVIGAS è stata brava a vincere con un netto 3-0.

VIVIGAS Arena Volley ha sfoderato una prestazione davvero positiva fatta di grande concentrazione ed attenzione. Le atlete di Greca Pillittu partono con Bissoli al palleggio, Mazzi opposto, centrali Fiocco e Bovo, schiacciatrici Sandrini e Palumbo, libero Moschini, ma nel corso della gara avranno modo di entrare in partita tutte le atlete di VIVIGAS, cosa che allieta ulteriormente la vittoria.

Greca Pillitu a fine gara conferma: “avevamo preparato la gara in settimana sapendo che Spakka Volley in casa era squadra da prendere con le pinze ed abbiamo cercato di non permettere loro di giocare come sanno. Stasera le mie atlete hanno offerto una prestazione davvero buona, mi sono piaciute soprattutto nel lavoro di correlazione muro-difesa. Non è che non abbiamo commesso errori in assoluto, però noi siamo riusciti a realizzare più punti dello Spakka, inoltre loro hanno faticato stasera in attacco, proprio grazie al lavoro del nostro muro e della difesa”. Spakka Volley in effetti è squadra che solitamente riesce ad ottenere buone prove in attacco dalle proprie centrali, mentre contro VIVIGAS ha potuto sfruttare poco questa caratteristica.

Nel primo parziale, nella fase iniziale di studio, Spakka rimane sempre incollato punto a punto, anzi è addirittura avanti al primo time tecnico per 8-7, ma finita questa fase, VIVIGAS scappa via fino al 16-9 con un parziale di 9 a 1 che distrugge subito le ambizioni delle padrone di casa. L’attacco fa la differenza, Spakka Volley non riesce più a mettere palla a terra nel campo avversario e VIVIGAS invece comincia a volare in attacco nonostante la ricezione di Spakka si riveli decisamente migliore di VIVIGAS (65% contro 47%). L’attacco di Arena Volley fa la differenza: 45% contro 14%.

Nel secondo parziale VIVIGAS scappa invece subito via, avanti 8-4, allunga sul 16-8 per vincere 25-14. Migliora la ricezione in casa VIVIGAS che sale al 50%, la stessa di Spakka Volley che tuttavia ancora non riesce ad incidere in attacco. Il distacco nel punteggio è pesante e le ragazze di casa sembrano demoralizzate.

Nel terzo set la ricezione di Spakka Volley cede di molto alle battute di VIVIGAS e tuttavia alla fine risulterà il set più combattuto, forse grazie al fatto che VIVIGAS ha un po’ mollato mentalmente, ma le ragazze di Pillitu sono comunque brave a controllare il ritorno delle padrone di casa e a vincere anche il terzo set.

Finisce così per 3-0 a favore di VIVIGAS Arena Volley il primo derby in serie B2 con Spakka Volley. Il prossimo turno vedrà impegnate le ragazze di Greca Pillitu in casa contro il Brembo di Bergamo, mentre ieri sera l’inaspettata sconfitta della capolista Rovigo riapre di nuovo i giochi al vertice, con tutte le squadre che hanno subito diverse sconfitte, sintomo di un campionato equilibrato ed aperto, in cui ogni sera sarà dura per chiunque conquistarsi la vittoria.