ART Breaking NEWS

‘NA MOLONARA FORA DAL COMUNE 2018


meloni-angurieA Concamarise ritorna l’appuntamento estivo rievocativo di un’antica tradizione. Ogni giovedì a partire dal 12 luglio fino al 9 agosto, dalle ore 19.30, nella piazza centrale del paese si rivivranno i sapori di una festa popolare. L’anno scorso l’evento durò due serate, quest’anno gli appuntamenti saranno ben cinque e copriranno praticamente un mese intero dell’estate, l’anno prossimo la manifestazione potrebbe durare addirittura tutta la stagione estiva da giugno ad agosto. “Tanti nostalgici l’anno scorso sono venuti a saperlo tardi”, ha spiegato Cristiano Zuliani sindaco di Concamarise, “quest’anno abbiamo voluto quindi farla in 5 serate, terminando giovedì 9 agosto, proprio il giorno prima della festa di San Lorenzo, il Santo Patrono del nostro paese”. “’Na Molonara Fora dal Comune” inizierà alle 19.30 di giovedì 12 luglio e continuerà per tutti i giovedì dell’estate fino appunto al 9 agosto. Le quattro attività commerciali (Movida’s Cafe, Frutta Verdura e dintorni, La Bottega di Anna e Gaia Pizza) che hanno aderito all’iniziativa terranno aperti i negozi durante le serate e si potranno degustare piatti di prosciutto e melone, anguria, pizza e tanto altro a prezzi contenuti e popolari. “Lo spirito dell’iniziativa è quello dello stare insieme, di far vivere il paese e di far lavorare i commercianti”, ha ribadito il primo cittadino, “il Comune dal canto suo ha messo a disposizione i tavolini e le panchine davanti al Municipio e le classiche lampadine delle feste popolari di una volta”. La scelta dei giovedì sera è stata dettata dal fatto di non accavallarsi con le sagre di altri paesi che solitamente iniziano il venerdì e terminano il martedì. Grazie all’associazione “Mano nella Mano” anche molti anziani non autosufficienti potranno partecipare a queste serate venendo aiutati ed accompagnati dai volontari. La riproduzione della Molonara di un tempo, gli spaventapasseri, le bici antiche e la musica popolare suonata dalle fisarmoniche della “Confraternita del Tabar” faranno rivivere sapori e tradizioni che con il tempo si stanno sempre più perdendo. Cos’è la “molonara”? In passato durante l’estate ogni paese aveva le sue “molonare” dove le persone potevano trovare ristoro dall’arsura e saziare temporaneamente lo stomaco. Lungo le principali vie di percorrenza dei paesi, ma anche nelle contrade, ci si imbatteva di tanto in tanto in questi estemporanei punti di sosta, collocati spesso accanto ad alti alberi dalle fronde copiose. Quando si avvicinava il periodo della maturazione delle angurie, il proprietario della “molonara” provvedeva a costruire un capanno con pali e fascine di legna o a rimaneggiare quello rimasto in piedi dall’anno precedente. Per il tempo della vendita dei cocomeri, il capanno diventava un locale pubblico semplice ma accogliente, un vero e proprio centro di aggregazione: c’erano panche, tavoli, acqua fresca e tanta ombra.