ART Breaking NEWS

Fares si sblocca e porta l'Hellas a S. Siro


Silvestri 7 – Debutto assoluto, incolpevole sul goal.  Alcune incertezze nelle uscite, nel primo tempo, benissimo nella ripresa, respinge, alla grande, il rigore di Pellissier. Bearzotti 6 – Gara ordinata, condizionata dai frequenti crampi colpa dello scarso minutaggio avuto finora.  Heurtaux 5 – Si fa beffare da Pellissier poi fatica a trovare il bandolo della matassa. Souprayen 6- Com’era già successo in campionato gioca con maggior attenzione in un ruolo non suo. Felicioli 6- Dopo molti mesi parte dal primo minuto. Dimostra di avere buone caratteristiche. La sfortuna non lo abbandona e dopo settanta minuti è costretto a uscire per un problema alla gamba sinistra. (Verde 7- Il match winner di domenica si ripete con alcune ottime giocate. Impegna il portiere con un gran tiro e segna con precisione il suo rigore). Romulo 7,5 – La fascia di capitano, in occasione della centesima in maglia gialloblù, gli porta bene. Incontenibile in ogni parte del capo, la difesa avversaria non lo prende mai. Impeccabile sul primo rigore. Bruno Zuculini 7- Limitando l’irruenza, non la grinta, cresce di partita in partita sta diventando insostituibile. Glaciale sull’ultimo rigore. Fossati 5,5 – Ha perso molte delle geometrie che, lo scorso anno, erano sue caratteristiche.  Segna, con il “cucchiaio” il suo rigore. Lee 6,5- Gioca per la prima volta dal primo minuto e dimostra di avere dei numeri, forse eccede in alcune giocate più per lo spettacolo che per il gioco. (Calvano 6 – Debutto assoluto per il giocatore appena inserito nella lista ufficiale al posto dell’infortunato Zaccagni. Pecchia ha molta fiducia in lui.) Bessa 5,5- Lontano parte del giocatore che aveva incantato in serie B. Gli infortuni gli hanno inaridito il brio. (Tupta 6- Il diciannovenne attaccante slovacco, gioiello della primavera, entra con grande agonismo e impegno anche se si trova di fronte un Dainelli che potrebbe essere suo padre, cecchino sul suo rigore). Fares 7,5- Grande soddisfazione del franco-algerino che segna il suo primo goal con la maglia della prima squadra. Astuto nel scippare la palla allo stolto Garritano. Con l’uscita di Felicioni si sposta in difesa ma è sempre pronto a sostenere gli avanti. La rete dovrebbe fargli trovare maggior calma e freddezza quando arriva in area di rigore.