ART Breaking NEWS

Mentre Fabio Grosso si presenta al Bentegodi arrivano Tozzo e Ragusa


 

Fabio Grosso si presenta allo stadio e si dichiara molto soddisfatto della rosa che gli è stata messa a disposizione. Ha confermato la sua preferenza per il 4-3-3 pur dicendosi disposto a tutte quelle variazioni che si dimostrassero utili per ottenere il successo. Ha confermato che ha impostato un lavoro particolare per creare maggiore attenzione alla fase difensiva e una preparazione specifica per le palle inattive che, con il gioco moderno, sono diventate molto importanti e decisive. Durante la conferenza stampa è stata data notizia dell’ufficialità del ritorno in gialloblù del portiere Andrea Tozzo, in prestito temporaneo con opzione, dalla Samp, e dell’arrivo dell’attaccante Antonino Ragusa, prestito oneroso con obbligo di riscatto, dal Sassuolo, con contratto fino al 30 giugno 2022.

Antonino Ragusa, messinese di ventott’anni, dopo aver mosso i primi passi nel messinese, passa a sedici anni a Treviso dove gioca nella Primavera con il figlio di Zigo gol, nello stesso anno debutta in serie B. Per il fallimento della squadra della marca passa al Genoa dove conquista il titolo Primavera e la Super Coppa Primavera. Ceduto alla Salernitana, in Lega Pro, gioca 36 partite, compresi i play off contro l’Hellas, con 7 reti. Passa quindi, dal 2011 al 2014, alla Reggina (34/7), alla Ternana (36/1) e al Pescara (40/1). Nel 2014 è al Vicenza, dove segna 3 reti in 16 partite quindi un anno a Cesena con 37 presenze e 8 reti. Gli ultimi due campionati a Sassuolo per un totale di 55 gare e 4 reti. Predilige la fascia destra dove, con la sua fantasia, favorisce la fase offensiva fornendo molti assist alle punte.

Andrea Tozzo, ventiseienne di Riva del Garda, gioca nelle giovanili dell’Hellas dal 2009 al 2011 quando è acquistato dalla Samp. I blucerchiati lo mandano in prestito un po’ in giro per l’Italia prima di tornare, lo scorso anno, agli ordini di Giampaolo.