ART Breaking NEWS

Presentazioni 2018/19: Isola Rizza


Cinquant'anni trascorsi nel calcio e non sentirli. Graziano Molinari è pronto per una nuova stagione nell'Isola Rizza, il club nel quale si sente in pratica "a casa" e dove ha militato per più tempo prima da giocatore e ora nella veste di dirigente in qualità di direttore sportivo. 

"Nell'Isola Rizza è iniziata la mia avventura da calciatore", racconta Molinari, "qui sono stato per diversi anni, poi ho giocato nel Cherubini Casaleone e nel Bonavicina prima di ritornare nel team isolano, dove ho chiuso la mia carriera e ho appeso le scarpe al chiodo. Il mio ruolo è stato quello del regista di centrocampo, il classico numero dieci che adesso non esiste più e negli ultimi anni trascorsi da giocatore, ho iniziato a svolgere il ruolo di dirigente. Sono stato direttore sportivo nel periodo di presidenza di Roberto Visentini; in seguito, quando lui ha ceduto il testimone a Giorgio Mantovani, sono stato direttore generale e ora con presidente Franco Brunelli, sono tornato ds". 

L'Isola Rizza inizia a riscaldare i motori questo mercoledì e ha tutte le intenzioni di confermarsi protagonista anche nella prossima stagione, dopo il quarto posto finale dell'anno scorso e dove al termine del girone d'andata, ha chiuso addirittura in prima posizione, traguardo che mai aveva raggiunto nel campionato di Prima Categoria. 

Il ds traccia un bilancio dell'ultima stagione: "Abbiamo disputato un buon campionato e la nostra difesa è stata la migliore di tutte, anche perché abbiamo subito solo ventuno gol. Siamo stati in testa per diverse giornate, poi a un certo punto qualcosa s'è inceppato: non abbiamo più segnato e sbagliato dei rigori decisivi, tuttavia posso affermare che ci siamo divertiti e tolte anche diverse soddisfazioni".

La rosa dell'Isola Rizza 2018/19 non ha subito particolari rivoluzioni e quella che si appresta a disputare il prossimo campionato di Prima Categoria è pressoché la stessa dell'anno scorso. Sono arrivati giovani promettenti come il portiere Pietro Rigo (97) e il centrocampista Paolo Padula (97) dal Legnago Salus e l'attaccante Alex Spirindelli (97) dall'Oppeano. Gli altri acquisti sono di un certo spessore e sono il centrocampista Leandro Parella, proveniente dal Castel d'Azzano e l'attaccante Giacomo Bissoli, fresco vincitore ai play off con il Nogara, dove la sua doppietta è stata decisiva nel successo contro la vicentina Chiampo.

In panchina è stata data piena fiducia per il terzo anno consecutivo all'allenatore Stefano Sacchetto e al suo prezioso staff tecnico, composto dal vice Manuele Furlani e dal preparatore dei portieri Davide Merlin.  

A proposito di mister Sacchetto, si esprime così Molinari: "E' un bravissimo tecnico, serio e preparato. Ha molte capacità, soprattutto nel modo di impostare le sedute d'allenamento e i ragazzi lo seguono con molta attenzione. Se devo trovargli un difetto, gli manca un pizzico di cattiveria ma i risultati finora gli hanno dato sempre ragione". Poi, non manca in lui un tuffo nel passato e ricordando altri allenatori dell'Isola Rizza, prosegue: "Tanti mister hanno fatto bene qui, lasciando in me un ricordo indelebile come Luciano Piccoli e Marcello Girelli e anche gli altri che sono arrivati negli anni successivi sono stati bravi".

L'obiettivo dell'Isola Rizza in questa stagione 2018/19? "Proveremo a divertirci ancora di più, magari migliorando il quarto posto ottenuto l'anno scorso: non sarà facile, ma gli avversari ci troveranno pronti!", parola di Graziano Molinari.