ART Breaking NEWS

Birsa canta e porta la croce ma non basta


Sorrentino 6,5- Evita la goleada, nulla può su Di Francesco poi è tradito dal fuoco amico. Depaoli 6- Gioca con una certa autorità. Spinge bene, pur con poca precisione, compartecipe nella mancata chiusura in occasione del goal.  Bani 6- Anche lui compartecipe nell’errore che ha portato al vantaggio. Nella ripresa gioca spesso da attaccante aggiunto. Bravo a tenere in campo un pallone che poi, sul suo tiro, attraversa l’intero specchio della porta. Rossettini 6- Controlla Boateng e svetta sulle palle alte. Jaroszynki 5,5- Spinge con continuità ma con scarsissimi risultati. Anche lui non esente da colpe sul goal. Kiyine 5- Parte che sembra voler spaccare il mondo poi perde lucidità e sparisce dalla scena. (Meggiorini 5- Gioca una quarantina di minuti ma si nota solo per il tentativo di una spettacolare rovesciata, non riuscita, a pochi minuti dalla fine.) Radovanovic 6- E’ sempre stato il baluardo dei clivensi. Lo spirito battagliero è il solito, la precisione si è persa. Obi 6- Rientra dopo oltre un mese. La mette sul fisico e si becca l’ammonizione meglio delle ultime apparizioni. (Tanasijevic 4- Il peggior debutto che gli potesse capitare. Gioca un quarto d’ora si becca due gialli, piuttosto ingenui, in tre minuti e va sotto la doccia.) Birsa 6,5- Corre per tutti i novanta minuti. Cerca d’inserirsi e prova a lanciare i compagni. Sul finire lo si vede anche in difesa. Canta e porta la croce. Giaccherini   5- La goffa autorete è solo l’emblema di una giornata storta. Il Giak di cui ha bisogno il Chievo è un altro. Stepinski 5,5- La volontà con cui si batte è encomiabile ma i movimenti sono sempre troppo lenti e legnosi. Quando deve tirare i tempi sono sempre lunghi e i difensori hanno l’opportunità di piazzarsi.