CAGLIARI / HELLAS VERONA 1-0


L’Hellas subisce la quarta sconfitta consecutiva, uscendo sconfitto con il Cagliari al  S.Elia. Mandorlini, dopo il ritiro, a seguito della sconcertante sconfitta con la Samp, provvede ad un robusto turnover. In difesa confermati solo Rafael e Maietta mentre ritornano Gonzalez a destra, Marques, al centro, e Agostini a sinistra. Tutto nuovo il centrocampo con Sala e Marquinho ai lati del regista Cirigliano. In avanti, a fianco dell’inamovibile Toni, Jankovic e Martinho. Il Cagliari che si presenta con una sola punta Nenè, costringe sulla difensiva i gialloblù che non riescono ad uscire dalla propria metà campo. La prima mezzora è un autentico monologo dei sardi che, al trentunesimo, passano in vantaggio. Pisano mette un traversone verso il centro area, dove Nenè, anticipa Marques e, di testa batte un incolpevole Rafael. Solo sul finire del tempo un tiro di Marquinho, deviato da un difensore, finisce a fil di palo facendo correre un brivido, l’unico, ai tifosi sardi. La ripresa è la prosecuzione del primo tempo con il Cagliari che tiene tranquillamente il pallino in mano sfiorando il raddoppio prima con un tiro a botta sicura di Ibalbo che colpisce la faccia interna del palo per poi uscire beffardamente, poi, con pericolosi contropiedi, vanificati da determinanti parate di Rafael. L’entrata in campo di Romulo per un nervoso Gonzalez, di Iturbe per pallido Martinho e di Rabusic per un evanescente Jankovic non danno nessun risultato e la gara si chiude con la quarta sconfitta consecutiva, la cinquantaduesima rete al passivo, quartultima squadra con questo bottino negativo, zero reti all’attivo da oltre un mese e, dopo il pareggio a reti bianche con il Bologna che ha permesso di raggiungere quota quaranta, zero punti, zero gioco, zero grinta.