Ceter si sblocca e il ChievoVerona ritrova il successo


 

 

Con un veemente finale di partita il ChievoVerona torna alla vittoria battendo, al Bentegodi, il Perugia di Serse Cosmi. Marcolini, che non può disporre degli squalificati Dickmann e Vaisanen, sostituiti da Frey e Leverbe, decide di ridare fiducia a Semper, dopo tre gare, mentre Cesar e Cotali completano la linea difensiva. A centrocampo, con Obi in regia, operano Segre, a destra, e Giaccherini, a sinistra, con Vignato alle spalle di Djordjevic e Meggiorini. Passano solo cinque minuti e i clivensi hanno una clamorosa opportunità per passare in vantaggio. Il pallone arriva a centro area con Segre e Djordjevic completamente liberi, tira il serbo ma colpisce in pieno il portiere. Due minuti dopo bella iniziativa di Frey che lancia Meggiorini che conquista un angolo. Subito dopo ancora il terzino in evidenza con un bel traversone sul quale si avventano Djordjevic e Meggiorini, ma un difensore li anticipa in corner. Al decimo si fa vedere il Perugia con Falcinelli che calcia dal limite dell’area, ma il pallone sfiora la base del palo. Al quarto d’ora Giaccherini mette in moto Cotali il cui traversone, dal fondo, trova pronto all’uscita il portiere. In dieci minuti, dal ventesimo alla mezzora, sono ammoniti prima Cotali poi Cesar. Al trentacinquesimo, su gran tiro di Dragomir,  bella respinta di Semper sulla palla arriva Nzita che calcia a lato. In pieno recupero colpo di testa di Meggiorini a sfiorare la traversa. Partono subito forte, nella ripresa, gli umbri e Semper compie un miracolo, aiutato dal palo, su bordata di Bonaiuto. All’ottavo brutto intervento di Falasco, che è ammonito, su Vignato. Il baby rimane a terra e, dopo due minuti è costretto a lasciare il campo sostituito da Garritano. Dovrebbe trattarsi di una forte contusione alla caviglia. Nel frattempo una spizzata aerea di Meggiorini favorisce il tiro al volo di Djordjevic che finisce alto. Poco prima del ventesimo finisce l’insufficiente gara di Djordjevic al suo posto entra il colombiano Ceter. Anche Garritano finisce sul taccuino dell’arbitro. Subito dopo, Ceter dal fondo traversa per Meggiorini anticipato di un soffio da un difensore. Poco dopo il ventesimo incredibile errore di Giaccherini. Al termine di una bella azione sulla destra di Segre, Obi trova l’ex nazionale davanti al portiere che è bravo a uscire a valanga e a ribattere il tiro. Al venticinquesimo da azione d’angolo, procurato da Meggiorini, goffo intervento di testa di Ceter che, invece di indirizzare verso la porta, allontana. Alla mezzora incursione di Segre che parte da metà campo supera diversi avversari ma, una volta in area, invece di appoggiare a Meggiorini libero alla sua sinistra, s’intestardisce e perde la palla. Passano due minuti e il Chievo va in vantaggio. Meggiorini appoggia a Garritano che con un delizioso pallonetto supera il portiere, ma, sulla linea della porta, interviene di testa Ceter insaccando, purtroppo la posizione del colombiano è di fuorigioco e la rete è annullata. A dieci dalla fine Marcolini richiama un opaco Giaccherini per Esposito. Al quarantacinquesimo, azione insistita di Segre, sulla fascia destra, che, dal fondo, effettua un cross che bacia la traversa e sembra insaccarsi ma c’è la miracolosa deviazione del portiere, sul pallone si butta Ceter che di testa insacca. Questa volta la rete è valida. All’ultimo, dei cinque minuti di recupero, Meggiorini tiene pallone davanti alla bandierina dell’angolo poi appoggia Garritano che serve l’accorrente Segre, gran tiro dell’ex Torino, per la deviazione del portiere. Ceter raggiunge la palla ma è toccato, sul piede destro, dell’estremo difensore. Per l’arbitro rigore e giallo al portiere anche per le vibrate proteste. Meggiorini trasforma il penalty, con un pizzico di suspense, poiché il pallone, prima di finire in fondo al sacco, colpisce la faccia interna del palo. Al triplice fischio il difensore Falasco dice qualche cosa di troppo all’arbitro che gli sventola sotto il naso il cartellino rosso. Dopo due sconfitte casalinghe e due pareggi esterni il ChievoVerona ritrova il successo e posizionandosi, momentaneamente, al quinto posto, ritorna in zona playoff. Per il ventiduenne colombiano prima rete sia con il Chievo sia in serie B. Venerdì sera anticipo a Empoli contro una squadra considerata fra le favorite del campionato ma che sta attraversando un momento non troppo felice.