Con la 44° Marcia del Giocattolo sport e solidarietà a braccetto


È stata presentata, nella sempre meravigliosa Sala Arazzi del Comune di Verona, la 44° edizione della Marcia del Giocattolo del prossimo 8 Dicembre. Alla conferenza stampa sono intervenuti Filippo Rando, Assessore veronese allo Sport, Gianni Gobbi, Presidente del Comitato Organizzatore Straverona, e la dott.ssa Stefania Fochesato, in rappresentanza della Fondazione Città della Speranza. L’assessore ha tenuto a ricordare come la Marcia del Giocattolo non si sia mai fermata e, anche lo scorso anno, si sia disputata con una prova virtuale che ha coinvolto tutta l’Italia. Gianni Gobbi ha illustrato come, per la prova di quest’anno, vi siano due opzioni per ogni partecipante il percorso “Virtuale” e il “Family”. Ci si potrà iscrivere online sul sito www.marciadelgiocattoloverona.it con le due opzioni prova “virtuale” oppure per la tradizionale corsa cittadina. Ogni iscritto, che avrà scelto la prova “virtuale”, riceverà a casa propria la maglia ufficiale e gli omaggi del partner mentre il pettorale personalizzato sarà inviato via mail. I bambini che si iscriveranno riceveranno anche l’immancabile giocattolo. Chi invece s’iscriverà per l’evento in presenza troverà tutto il materiale direttamente in Piazza Brà. L’evento in presenza avrà, da quest’anno di due modalità. La tradizionale corsa podistica, aperta a tutti, su due percorsi di 5 e 10 Km con partenza, sempre da Piazza Brà alle ore 9 e la gara “Family” di 2 Km con partenza alle ore 10. Quest’ultima prova, alla quale potranno iscriversi adulti, bambini e ragazzini, si disputerà prevalentemente su strade pedonabili del centro città. La Dott.ssa Stefania Fochesato ha ricordato come la Fondazione Città della Speranza, che ha sede a Padova, sia nata nel 1994 per la ricerca e la lotta alle malattie oncologiche pediatriche e sia il punto di riferimento italiano ed europeo per la ricerca su queste malattie. L’adesione di ogni partecipante sia al percorso “Virtuale” sia al “Family”, fungerà da donazione diretta alla Fondazione.