Dawidowicz difende e attacca, Caprari folletto fantasioso


Montipò 6- Serata di assoluta tranquillità. Dawidowicz 7- Che fosse un difensore difficilmente superabile lo si sapeva ma, questa sera, ha dominato la fascia destra supportando gli avanti con continuità e pericolosità. Colpisce, con un colpo di testa, una clamorosa traversa. Gunter 6- Torna a dirigere la difesa senza particolari problemi. Nel primo tempo è costretto al fallo e si becca l’ammonizione.   Ceccherini 5,5- Gioca un tempo soffrendo, forse troppo, le poche ma ficcanti iniziative isolane. (Casale 6- Entra a inizio ripresa e, subito, commette una leggerezza che avrebbe potuto essere sanguinosa, però si riprende e nella seconda parte del tempo diventa anche lui attaccante aggiunto.) Faraoni 6- Serve un assist perfetto al cholito che non trasforma, ne riceve uno altrettanto bello da Caprari ma anche lui si fa intimidire dal portiere. Ilic 5,5- Stranamente compassato e sempre con un tempo eccessivo di gioco. Non una prestazione da ricordare. (Taméze 6- Nelle ultime giornate il giocatore più in forma della squadra. Tudor gli concede un po' di riposo ma, nel quarto d’ora in cui gioca, dimostra che difficilmente si può stare senza il suo apporto.) Veloso 5,5- Il professore sembra aver perso la brillantezza che gli ricordavamo. Anche lui mantiene un ritmo troppo blando rispetto alle impostazioni che ha dato Tudor. (Bessa 6- Ritorna dopo il turno di stop per squalifica. Entra bene in partita e, forse era meglio utilizzarlo prima.) Lazovic 5,5- Dove è finito il dirompente Darko della passata stagione? Alterna cose buone a periodi di assenza quasi totale. Barak 6- Pur non essendo una gara da mettere in risalto, Antony dimostra di essere un giocatore insostituibile. Tocca mille palloni e non ne perde nessuno. Solo un miracolo del portiere gli nega la gioia della rete. Caprari (foto) 6- Un punto in meno per l’errore, al secondo minuto, quando si è trovato a un metro dalla porta e non è riuscito a spingere il pallone nel sacco. Secondo tempo però di altissimo livello. In alcuni momenti sembra un folletto che danza in mezzo a nugoli di avversari e riesce sempre ad uscirne alla grande. Strepitoso l’assist che Faraoni non ha trasformato. Simeone 6-Lotta e combatte come un tarantolato. Ricorre tutto e tutti e questo forse lo rende meno lucido e cinico in zona goal. Commette un fallo, dopo averne subiti tantissimi le più delle volte lasciati correre dall’arbitro, che scatena una rissa che si placa solo grazie ai giocatori e non per merito del mediocrissimo arbitro. (Lasagna 6- Dimostra che è vivo e desideroso di finalmente timbrare il referto. Ha due buone opportunità. Nella prima si trova di fronte super Radunovic nella seconda, la deviazione di Ceppitelli, fa sfiorare il palo a portiere battuto.)