ART Breaking NEWS

Di Carmine porta l'Hellas in finale ma Silvestri tira giù la saracinesca.


Silvestri 7,5– Mostruosa la parata che impedisce a Mancuso di gioire. Sempre attentissimo e padrone dell’area anche nelle uscite. Faraoni 6- Soffre molto Sottil e questo lo condiziona. Prima sciupa una colossale azione ciabattando in porta poi commette, di seguito, due errori che denotano un certo nervosismo. Si riprende nel finale. Dawidowicz 7- Tanto aveva sofferto sulle palle alte mercoledì tanto è tornato insuperabile all’Adriatico. Grande chiusura su Marras.     Empereur s.v- Esce dopo venti minuti per un problema ai flessori. (Bianchetti 7- Entra a freddo ma, ritornato al centro, dimostra tutta la sua forza e qualità.) Vitale 6,5- Nel primo tempo agisce più da esterno alto che da difensore, nella ripresa, dopo il vantaggio, si limita a presidiare la sua zona.  Henderson 6- Mette in campo tutta la sua prestanza fisica, non trova mai il tempo per scagliare qualcuno dei suoi pericolosi tiri da lontano. Gustafson 7- Disputa una gara molto ordinata e con grandissima lucidità, sa sempre se accelerare o rallentare. Crea continui problemi al centrocampo avversario.  Colombatto 6- Non propriamente nel suo ruolo ma s’immedesima bene in quello che deve fare. Subisce un brutto fallo non sanzionato con un giallo e quindi pensa di vendicarsi e per lui c’è l’ammonizione. (Pazzini 7- Il passaggio di prima intenzione con il quale mette Di Carmine davanti al portiere merita da solo il prezzo del biglietto. Lascia, da capitano vero, a Di Carmine l’onere e l’onore del rigore. Nel finale fa salire la squadra e conquista importanti punizioni.)  Matos 6- Si salva dall’insufficienza perché in una serata simile non è possibile darla a nessuno. Incredibile l’errore, per egoismo, nel non servire Lee, dopo un fantastico contropiede. Di Carmine 8- Entra subito in partita e fa impazzire i difensori. Segna di freddezza una rete che il Var gli cancella perchè ha mezza testa oltre i difensori.  Glaciale nel trasformare il penalty che si era conquistato. Laribi 7- Gioca poco meno di un’ora ma è straordinario nella sua prestazione. Costruisce e tira, peccato che la mira non sia delle migliori. Sembra che sia pagato a Km. Esce sfinito. (Lee 6- Cerca di metter vivacità in campo ma non sempre ci riesce. Comunque, senza strafare, non lascia mai tranquilli i difensori.)