Djodjevic, torna al goal, e lo fa con una doppietta, dopo quattro mesi, ma Vignato da spettacolo


Semper 5- All’andata entrò in crisi poi, brillantemente, superata, l’errore che ha portato al pareggio sembra frutto di quella vecchia gara. Dickmann 5,5- Per un’ora non fa vedere palla agli avversari e, quando può, si spinge in avanti creando molti problemi. Troppo tenero nell’azione che porta al successo campano. Leverbe 6- Padrone assoluto dell’area qualche piccola pecca quando cerca d’impostare. Rigione 6- Nulla da dire sulla tenuta dei due centrali. Renzetti 6- Quando può spinge, anche se non lo fa molte volte. Nessun problema in difesa.  Segre 5,5- I due errori, sul finire del primo tempo, gridano vendetta per un giocatore della sua qualità. (Grubac s.v- Una decina di minuti ma poche palle giocabili) Esposito 6- Regista della squadra, alterna buone giocate, a qualche pausa di troppo. Sfortunato quando un suo missile, dai venti metri, colpisce il palo, quindi la palla batte sulla schiena del portiere, ed esce di un soffio. (Zuelli s.v- Pochi minuti della disperazione.) Garritano 6,5- Ammonito dopo essere stato martirizzato per larga parte del primo tempo. Sempre bello vederlo giocare.  (Di Noia 5,5- Dalle stelle alle stalle. Dopo un minuto che è in campo, Calvano gli frana addosso e procura il rigore. Cinque minuti dopo, salta, da solo, ma allarga sconsideratamente il braccio e procura il rigore che riapre la gara. Ammonizione di frustrazione nel finale) Vignato 7- Il baby ha dato spettacolo per l’intera partita. Da segnalare, all’inizio della ripresa un suo scatto, alla Mennea, che ha bruciato Calò al quale ha recuperato un paio di metri. Suoi i traversoni che purtroppo Segre ha fallito. Djordjevic 6,5- Ritorna al goal, con una doppietta, dopo oltre quattro mesi d’astinenza. Lotta come raramente ha fatto. Astuto nello scippare il pallone a Tonucci ma bravissimo a farsi metà campo con due mastini alle spalle. Glaciale nel penalty battuto dopo oltre tre minuti d’attesa. Giaccherini 6- Gioca mezzora facendo capire che lui è di un’altra categoria poi, purtroppo, la fitta dietro al ginocchio l’ha messo ko. (Ceter 6- Entra bene in partita, perfetto il velo che smarca Segre, sul passaggio di Vignato, ingaggia alcuni duelli rusticani con Troest e spesso ne esce vincitore.)