Djordjevic si sveglia ma Semper non dorme.


Semper (foto) 7- Prestazione pressoché perfetta del giovane croato. Attentissimo fra i pali esce con autorità sulle palle alte, forse un po’ troppo precipitoso nel rinvio dal quale nasce l’azione del pareggio. Dickmann 6,5- Ritrova il campo dopo tre giornate. Primo tempo straordinario per continuità di supporto agli avanti. Nella ripresa, con tutte le bocche da fuoco inserite, è costretto a rimanere sulla difensiva. Tenerlo fuori è forse una delle colpe di Marcolini.   Cesar 6,5- Lotta con vigore e utilizza la sua enorme esperienza. Nella ripresa deve lavorare sodo per fermare le truppe d’assalto marchigiane.  Leverbe 6,5- Ancora una buona prova per il francesino, ma questa non è più una novità. Assoluto padrone nel primo tempo è costretto agli straordinari nella ripresa. Renzetti 6,5- Quando spinge cerca ripetutamente il dialogo con Giaccherini che talvolta non risponde presente. Sempre molto efficace nei traversoni. Segre 6,5- Forse timoroso per il fatto di essere in diffida non è così incisivo come altre volte. Dialoga con precisione sia con Vignato sia con Dickmann. Tenta la conclusione ma Leali gli nega la gioia. Obi 6,5- I primi tiri sono suoi. Gioca spostato più laterale e più avanzato di quanto facesse con Marcolini e quindi si propone più in fase conclusiva. Coriaceo becca un giallo per troppa foga. (Di Noia 6- Butta alle spalle la sfiga e, dopo otto giornate, torna a riassaporare il campo. La sua forza e il suo dinamismo, se sta bene, possono essere utilissimi. Sul finire tenta il tiro ma è ribattuto.) Esposito 6,5- Aglietti gli consegna immediatamente la bacchetta di direttore d’orchestra e lui interpreta bene il ruolo. Come sempre bene sulle palle inattive. (Zuelli s.v- Seconda apparizione per il diciottenne, tutta esperienza.) Vignato 7 – Cala molto nel finale ma per oltre un’ora domina la scena. Cerca ripetutamente il tiro ed è sfortunato, a inizio ripresa, quando un suo tiro a giro, sfiora di pochi millimetri la base del secondo palo. Serve l’assist per Djordjevic dopo avergliene fornito un altro pochi minuti prima. Si becca un giallo proprio perché era in riserva. Giaccherini 6- Non il miglior Giack che si conosce. Nel primo tempo sbaglia appoggi facili e poi sembra sempre in ritardo. Cresce con il passare dei minuti ma non fa, come ci si aspetta, la differenza. Djordjevic 7- Ritrova il goal dopo oltre cinque mesi. Entra subito in partita battagliando e lottando, con il coltello fra i denti, con i difensori. Sfiora un goal, ma si rifà pochi minuti dopo.   (Meggiorini 5,5- Lasciato, un po’ a sorpresa, in panchina entra negli ultimi venti minuti ma, se si esclude una telefonata al portiere, non fa molto altro.)