Due rigori vanificano il vantaggio di Meggiorini


Parte con una sconfitta, al Curi di Perugia, l’avventura del ChievoVerona nel campionato di serie B. Marcolini conferma per dieci undicesimi la formazione uscita sconfitta da Cagliari in Coppa Italia. Davanti a Semper operano Bertagnoli, Leverbe, Rigione e Brivio. A centrocampo Garritano, per Pina Nunes, Esposito, Giaccherini e Pucciarelli mentre Stepinski e Meggiorini sono le punte. Alla prima azione il Chievo passa in vantaggio. Traversone di Brivio respinta corta di un difensore e Meggiorini insacca. Poco dopo il ventesimo, opportunità per il raddoppio. Invitante traversone di Garritano ma Pucciarelli calcia sull’esterno della rete. Un minuto dopo Giaccherini ha anche lui l’occasione del goal ma si attarda troppo in area e il Perugia può salvare e scattare in contropiede ma Iemmello sbaglia il tiro. Poco dopo la mezzora uscita a farfalle del portiere e Pucciarelli, a porta vuota, manda alto. Al quarantesimo, ammonizione per Esposito. In pieno recupero rinviano male i difensori clivensi e Leverbe tocca con un braccio il pallone e l’arbitro decreta il rigore che Iemmello trasforma. Si va al riposo in parità. La ripresa vede subito Meggiorini pericoloso al tiro ma il portiere para. Al quarto d’ora Marcolini richiama Pucciarelli e lancia l’ultimo arrivato Segre. Dopo un errore di Iemmello è Stepinski ad avere la palla del vantaggio ma, dopo essersi liberato, da due passi manda alto. Poco prima del venticinquesimo Leverbe commette un plateale e ingenuo fallo su Dragomir e l’arbitro decreta il secondo penalty che, ancora una volta, Iemmello trasforma. Marcolini richiama prima Garritano per Vignato quindi Stepinski per Djordijevic che, al novantesimo vede un suo tiro sfiorare la base del palo.  Finisce con una sconfitta una gara giocata con attenzione ma con troppi errori in fase conclusiva e con troppe ingenuità in difesa. Venerdì, nell’anticipo della seconda giornata, big match con l’Empoli al Bentegodi.