E' successo dalla Serie D alla Seconda Categoria dopo gare 06 Gennaio


PREMESSA

 Il calcio dilettante è il vero protagonista nella prima domenica del 2019. Non si gioca in Serie A e nemmeno in B e C: non sembra vero, ma è proprio così. Sono i campionati dalla Serie D alla Seconda Categoria i veri protagonisti e le emozioni nella domenica dell'Epifania non sono mancate, per la gioia dei tanti appassionati che seguono da vicino le squadre di casa nostra. Al triplice fischio finale ci saranno giocatori che avranno alzato le braccia al cielo per la vittoria, altri che sono entrati mesti negli spogliatoi, ma pronti a ripartire perché da qui alla fine tutto può ancora succedere.

SERIE D

Il girone di ritorno parte bene per le nostre formazioni veronesi di Serie D e l'unico rammarico arriva dall'Ambrosiana, che si vede sfuggire in extremis un punto che sarebbe stato d'oro sul campo del Como e chissà quanta rabbia e delusione per i ragazzi di mister Tommaso Chiecchi. Il Legnago Salus batte in rimonta lo Scanzorosciate: i tre punti erano importanti e alla fine sono arrivati, brava la squadra di Andrea Pagan che ha inaugurato al meglio il nuovo anno e ora la salvezza si può davvero raggiungere. Il successo più bello lo firma il Villafranca: chi l'avrebbe detto che i castellani di capitan Samuele Avanzi e compagni centrassero il colpaccio contro la corazzata Rezzato? Una vittoria che potrebbe essere un'iniezione di fiducia importante per il futuro. Tra gli altri risultati, rallenta la capolista Mantova fermata sul pareggio dalla Virtus Bergamo e pareggiano sia Pro Sesto (0-0 con il Sondrio) che Caronnese (2-2 contro il Pontisola). In coda, prima vittoria dell'Olginatese che centra il colpaccio sul campo del Villa D'Almé. Domenica prossima Ambrosiana e Villafranca giocheranno in casa: Villa D'Almé e Pro Sesto saranno le avversarie mentre il Legnago Salus andrà nella tana della Virtus Bergamo. 

ECCELLENZA

L'inizio del ritorno sorride a Garda e Sona Calcio, entrambe vittoriose: i lacustri di mister Paolo Corghi centrano il colpaccio contro l'Abano mentre i rossoblù di Marco Tommasoni, sempre lontani dalle mura amiche, piegano la Belfiorese che conferma di essere in crisi e ora è in piena zona play out. Nell'altra sfida tutta veronese, si dividono la posta San Giovanni Lupatoto e San Martino Speme. Giornata da dimenticare per Team Santa Lucia Golosine e Valgatara, battute rispettivamente in trasferta dal Montecchio Maggiore e in casa dal Pozzonovo.

PROMOZIONE

Il Castelbaldo Masi non si ferma e una rete dell'ex Dal Degan condanna l'Oppeano alla sconfitta; non molla l'Albaronco, che supera in rimonta l'Aurora Cavalponica con quest'ultima che non vince dalla 12^giornata (2-1 alla Polisportiva Virtus). Il Cadidavid vendica la sconfitta dell'andata e paga con la stessa moneta il Cologna Veneta segnando ai gialloblù di Salvatore Di Paola quattro reti. Non deludono il proprio pubblico Castelnuovo Sandrà, Nogara e Povegliano che battono rispettivamente Chiampo, Seraticense e Mozzecane. Polisportiva Virtus e Sitland Rivereel si danno aperta battaglia e ne esce un elettrizzante pareggio con tre reti a testa; l'Alba Borgo Roma porta via un buon punto dal campo del Badia Polesine.

PRIMA CATEGORIA

Nel girone A, il Pescantina Settimo pecca di presunzione: va in doppio vantaggio, ma il Croz Zai ha il merito di non mollare mai e alla fine i ragazzi di Doriano Pigatto recuperano e agguantano un pareggio che ha il sapore della vittoria. Il Quaderni supera in rimonta il Calcio Lugagnano e così riduce a sei i punti di svantaggio dalla vetta. Domenica da archiviare in fretta per Real Lugagnano e Concordia, che escono con le ossa rotte dai campi di Pedemonte e Olimpica Dossobuono. Il Valpolicella cala il tris e inguaia il San Zeno in zona retrocessione; il Parona prova il colpaccio, ma il Calmasino acciuffa il pareggio e terminano in parità anche le sfide Arbizzano-Peschiera e Montebaldina Consolini-Real Grezzanalugo. Nel girone B, l'Atletico Città di Cerea continua la sua marcia trionfale e arriva un'altra vittoria senza subire gol contro il Valdalpone Roncà. Il primato dei ragazzi del presidente Luca Bronzato diventa solitario perché il Montorio non va oltre il pareggio contro l'Isola Rizza e i castellani di mister Marco Burato vengono agganciati al secondo posto dalla Pro San Bonifacio, vittoriosa contro la "cenerentola" Provese. Non delude nemmeno il Casaleone che coglie i tre punti nella trasferta contro il San Giovanni Ilarione e continua l'ascesa del Bovolone 1918 che contro il Sanguinetto Venera centra il terzo successo consecutivo. La giornata è completata dai successi esterni di Boys Buttapedra e Pozzo, che battono rispettivamente Audace e Tregnago e dal debutto amaro di Omar Lovato sulla panchina del Valtramigna Cazzano, sconfitto dallo Zevio. 

SECONDA CATEGORIA

Nel girone A basta una rete al San Peretto per superare l'ostacolo Lazise; dietro la formazione di Franco Tommasi, termina con un rocambolesco pareggio con tre reti a testa l'incontro Cavaion-Polisportiva La Vetta, il Bussolengo impone il pari al Pastrengo mentre il Malcesine incassa la quinta sconfitta stagionale contro la Juventina Valpantena. Nel girone B l'Illasi batte agevolmente il Gabetti Valeggio; il Caselle s'impone contro l'Alpo Lepanto e s'insidia al secondo posto scavalcando l'Olimpia Ponte Crencano, che si deve accontentare di un punto contro il Cadore. In chiave play off, fantastico tris dell'Alpo Club 98 ai danni della Scaligera Lavagno. Nel girone C il Giovane Santo Stefano rifila tre reti al Real Brogliano e si riprende il primo posto, complice il pareggio dell'Union Sportiva Alte Ceccato con il San Vitale. Giornata felice anche per le altre veronesi: vincono Sambonifacese, Borgo Soave e Locara e il Real Monteforte porta via un buon punto da Lonigo. Nel girone D la Scaligera vince a Sustinenza e si conferma in vetta; dietro la formazione isolana, tengono tutte il passo e anche per Albaredo calcio, Castel d'Azzano e Gips Salizzole i tre punti arrivano lontani dalle mura amiche. L'Atletico Vigasio non va oltre il pareggio contro il Raldon, mentre il Bevilacqua non delude il proprio pubblico e fa sua la gara contro il Cà degli Oppi.