Giaccherini, in salute, fa la differenza.


Semper 6- Serata di assoluta tranquillità per il portierone croato, alcune uscite alte danno tranquillità a tutto il reparto. Dickmann 6,5- E’ lui a far partire l’azione che porta al vantaggio. La catena con Segre funziona bene. Rigione 6- Rimedia un’ammonizione per una trattenuta un po’ troppo vistosa comunque nonostante i molti attaccanti messi in campo da Nesta non soffre mai. Leverbe 6- Si riscatta dall’opaca prestazione con lo Spezia. Sa usare il fioretto ma, quando serve, anche la sciabola . Renzetti 6,5- Nella ripresa spinge in continuazione e s’intende a meraviglia con Giaccherini. Segre 6,5- Meno appariscente di altre volte conferma di avere però un piede particolarmente educato. Esposito 6,5- Prende in mano la bacchetta di direttore d’orchestra e dirige con maestria i compagni. Non fortunato nel gran tiro del primo tempo che il portiere devia, con grande affanno, a mani aperte. Obi 7- Sblocca il risultato e questo è un titolo di merito. Non era partito bene con alcuni falli che gli costano l’ammonizione poi, però ritrova la misura e porta in vantaggio la squadra. Non arriva, per pochi centimetri, sul cross di Giaccherini ma, con il suo salto, scombussola la difesa che dimentica Vignato. (Di Noia 6.5- Se la sfortuna si dimentica di lui può diventare un pezzo pregiato per Aglietti. Prova il tiro, dalla stessa posizione, dove aveva già segnato, ma la mira non è precisa.) Vignato 7- Il baby, vent’anni a fine agosto, gioca con una naturalezza e con una leggiadria che incantano. Segna, questa volta di testa, la quarta rete in campionato. (Garritano 6- Venticinque minuti di grande vivacità, sul finire, servito da Giaccherini, sfiora la terza rete.) Djordjevic 6- Lotta come un leone e, con la vistosa fasciatura sembra un pirata all’abbordaggio. Non ha la mira precisa ma è bravissimo a fermare il traversone di Dickmann che permette a Obi di segnare. (Ceter 5,5- Solo un paio di scatti ma, nonostante la maestosa stazza, subisce gli avversari.) Giaccherini 7- Il capitano, senza problemi muscolari, mette ripetutamente in difficoltà i difensori ciociari. Telecomandato il traversone che porta al raddoppio. Nel primo tempo mette su un piatto d’argento un pallone per Esposito ma il portiere, seppur con difficoltà, salva.