Il 90° fatale al ChievoVerona allo Zini con la Cremonese.


Brutto capitombolo del ChievoVerona che cade, proprio sul filo di lana, con la Cremonese allo Zini. Aglietti, che non può disporre dello squalificato Segre, ma recupera Leverbe, schiera la difesa titolare con Dickmann e Renzetti, esterni, e Leverbe e Rigione, centrali.  Segre è sostituito da Garritano, a destra, mentre Di Noia, opera a sinistra con il giovane Zuelli in cabina di regia. Davanti turno di riposo per Djordjevic, sostituito da Ceter, mentre Vignato e Giaccherini completano il tridente.  Il primo tempo è un lungo monologo clivense che però non trova mai la giusta giocata per superare Ravaglia . Primo squillo dei lombardi intorno al ventesimo con Ciofani che prolunga un cross di Bianchetti sul secondo palo dove arriva Kinsey il cui tiro è deviato alla grande da Semper. Due minuti dopo ancora Semper protagonista a bloccare una botta di Arini. Due belle azioni clivensi intorno alla mezzora. Prima Giaccherini serve Garritano che spizza verso Rigione che non arriva per pochissimo quindi, su azione d’angolo, Rigione alza verso Garritano che cerca la sforbiciata acrobatica ma la palla non centra la porta. Al quarantesimo il Chievo va in goal. Grande azione di Garritano che salta un avversario, arriva sul fondo e appoggia all’accorrente Giaccherini, tiro al volo e palla in rete. Purtroppo Ayroldi annulla per fuorigioco di posizione di Ceter, posizionato proprio davanti al portiere.  Si va al riposo sullo zero a zero. Nessun cambio di Aglietti alla ripresa del gioco. C’è subito un pericolo per il Chievo, infatti, il cross tagliato di Parigini, appena entrato, mette in difficoltà Semper ma Renzetti anticipa Piccolo. Aglietti richiama Ceter per Djordjevic. Due belle azioni clivensi, prima del ventesimo. Giaccherini, su suggerimento di Garritano, cerca la giocata acrobatica ma non trova la palla quindi, lo stesso ex nazionale lancia Vignato il cui tiro è deviato prima dal portiere quindi da un difensore fuori area dove arriva Zuelli che mette alto. Prima della mezzora altre due sostituzioni per la squadra della diga. Fuori Zuelli per Esposito e Di Noia per Karamoko. Proprio il francese cerca la conclusione che, smorzata, arriva senza problemi fra le braccia del portiere.  Al quarantesimo Djordjevic approfitta di un errore della difesa per involarsi ma, causa un cattivo controllo, si decentra e il tiro risulta debole.  Due minuti dopo un errore di Esposito da via libera a Ciofani ma Leverbe chiude. Dopo un pericoloso cross, salvato molto bene dal portiere, esce capitan Giaccherini per Morsey. Ci prova ancora Dickmann ma i grigiorossi si salvano in angolo. Al novantesimo la doccia gelata. Karamoko ferma fallosamente Parigini ed è ammonito. La punizione è toccata da Castagnetti, la barriera si allarga, e Mogos batte Semper. Il Chievo si butta in avanti e prima un colpo di testa di Karamoko finisce alto poi, proprio all’ultimo respiro, sul cross di Esposito, esce male Ravaglia che si scontra con Dickmann ma l’arbitro fischia la fine e manda tutti sotto la doccia. Con questa inaspettata sconfitta il ChievoVerona esce dalla zona play off scavalcato dalla Salernitana e raggiunto dal Pisa. Venerdì nuova difficile trasferta a Castellamare contro la Juve Stabia, raggiunta nel finale a Frosinone.