Il Chievo torna al successo espugnando il campo dell’Entella


 

Il ChievoVerona cala il tris ed espugna il campo dell’ormai retrocessa Virtus Entella. Aglietti che non dispone dell’infortunato Mogos, sostituito da Bertagnoli, schiera Rigione, Gigliotti con Renzetti a completare la difesa. A centrocampo con Obi e Palmiero operano Garritano e Di Gaudio (foto) con Canotto a supporto di Margiotta. Pronti via e l’Entella è in vantaggio. Sull’avvio della partita Morosini sfonda sulla sinistra e appoggia a Mancosu che entra in area, senza trovare ostacoli, e fulmina Semper. Cerca di riprendersi il Chievo palla lunga della difesa per Canotto che non arriva in tempo, anticipato dal portiere. Al settimo però i clivensi pareggiano. Angolo dello specialista Renzetti e stacco di Gigliotti, abbastanza libero, e palla alle spalle del portiere. Poco prima del decimo sanguinoso retropassaggio di Bertagnoli per Rigione che manca completamente l’aggancio, prende palla Mancosu che tira sfiorando il palo lungo. Poco dopo, bel traversone di Garritano per Margiotta con miracolo del portiere ma c’era fuorigioco. Dopo l’ammonizione del ligure Cleur s’infortuna, al ventesimo, Mancosu, l’autore del vantaggio, al suo posto l’ex Rodriguez. Cinque minuti dopo grossissimo rischio per Semper che tarda il rinvio e, sul contrasto con Morosini, riesce, in qualche modo, ad allontanare colpendo sia il pallone che l’avversario. Alla mezzora palla in profondità per Canotto che, sull’uscita del portiere, cerca il colpo sotto ma la palla sorvola la traversa. C’è poi una bella deviazione di Semper su conclusione di Rodriguez e, al quarantesimo il portiere clivense si supera con due grandi interventi. Prima devia il bolide di Morosini poi riesce a metterci la mano sul tap in di Brescianini. Subito dopo il Chievo passa in vantaggio. Azione sulla destra di Bertagnoli che, dal fondo, traversa, c’è un tocco di Margiotta e la palla arriva sul secondo palo a Di Gaudio che, da un metro, appoggia nella rete sguarnita. Nell’ultima azione del tempo, positivo intervento, con i piedi di Semper su conclusione di Rodriguez, scattato in fuorigioco non rilevato. Dopo un tiro di Bertagnoli parato dal portiere si va al riposo. Stesse formazioni alla ripresa del gioco e, due minuti dopo, incredibile e spettacolare respinta del portiere Borra su girata di Obi da breve distanza. Bertagnoli, da destra, traversa svirgola Garritano e Obi, alle sue spalle, gira a colpo sicuro ma il portiere si supera. Passano pochi minuti e il Chievo mette in freezer la gara. L’azione parte sempre da Bertagnoli che appoggia a Garritano, palla in profondità per Canotto che salta Poli e fulmina, con un gran tiro sotto la traversa, Borra.  Ci prova Renzetti ma il suo tiro, dopo una lunga corsa trova pronto il portiere. Al quarto d’ora Rodriguez scalcia, sulla linea di fondo campo, Bertagnoli ed è ammonito. Poco dopo il ventesimo Aglietti richiama Margiotta e Garritano per Fabbro e Viviani.  Passano quattro minuti e Gigliotti rimane a terra per un problema muscolare, al suo posto entra Vaisanen, mentre Di Gaudio lascia il posto a baby Vignato. Poco prima del quarantesimo, Bertagnoli prima regala un angolo all’Entella poi con una super deviazione evita la possibile rete agli avversari. Il Chievo tiene bene il campo e negli ultimi minuti e nei quattro di recupero non corre pericoli. Salendo a 53 punti mantiene l’ottava posizione e tutto si deciderà lunedì al Bentegodi contro l’Ascoli.