Il ChievoVerona batte l’Entella e torna a vincere al Bentegodi.


Con un veemente avvio di secondo tempo il Chievo affonda la Virtus Entella e torna a vincere, al Bentegodi, dopo sei giornate. Aglietti, che ha Palmiero squalificato, conferma il tradizionale e collaudato 4-4-2 con la stessa difesa della squadra vittoriosa a Cremona, mentre, a centrocampo, con Ciciretti (foto)e Garritano, sugli esterni, operano Obi e Viviani e, in avanti, agiscono Margiotta e De Luca. Partono subito forte i clivensi e Garritano serve il lanciato  Renzetti che vede la sua conclusione deviata in angolo. Poco dopo De Luca scatta sul filo del fuori gioco ma il suo traversone non trova compagni sul secondo palo. Intorno al decimo, Ciciretti, particolarmente ispirato, dopo una serie di finte che annebbiano l’idea ai difensori, serve Mogos sul cui traversone c’è la spizzata di Margiotta a favorire Manuel De Luca il cui colpo di testa è parato dal portiere. Subito dopo contropiede ligure con Giuseppe De Luca che tira sul primo palo dove è pronto alla parata Semper. Al quarto d’ora errore in disimpegno di Gigliotti che favorisce i liguri ma, fortunatamente, Rigione rimedia in tempo. Dopo un’altra bell’azione di Ciciretti per Mogos il cui traversone trova pronta la girata di De Luca ma, il tiro smorzato, diventa facile preda del portiere. Al ventesimo, interessante contropiede clivense sciupato da Garritano che cerca il lontano Renzetti invece di favorire il vicino Ciciretti. Poco prima della mezzora due interessanti punizioni del Chievo. Sulla prima, battuta da Renzetti, c’è la girata di Rigione che finisce alta mentre sulla seconda, calciata da Ciciretti, dopo un interessante schema, Mogos mette a lato di pochissimo. Al quarantesimo, sempre in seguito a punizione c’è un doppio miracolo del portiere Russo che, prima, devia il colpo di testa di Obi e poi allontana il tap in di Margiotta. Poco prima della fine del tempo, su traversone di Renzetti, il colpo di testa di De Luca esce di un niente. Si va al riposo sul nulla di fatto ma con il Chievo padrone della situazione. La ripresa vede subito i clivensi gettarsi all’assalto e, al terzo, dopo un’iniziativa sulla destra di Ciciretti c’è il tiro di De Luca deviato in angolo. È l’anticamera del vantaggio. Batte il corner Renzetti, la palla, allontanata da un difensore verso il limite dell’area, arriva a Ciciretti che, da fermo, con un sinistro chirurgico, insacca a fil di palo. Il vantaggio scatena ancor di più i ragazzi di Aglietti anche perché i liguri sembrano accusare il colpo. Passano meno di cinque minuti e il raddoppio è cosa fatta. Combinano sulla destra Ciciretti e Mogos sul cui traversone teso s’avventa De Luca che anticipa difensore e portiere e segna, per la legge dell’ex, la sua prima rete con la maglia del Chievo. Al quarto d’ora continua lo show di Ciciretti che, con uno spettacolare tiro al volo, da oltre venti metri, colpisce in pieno il palo alla destra del portiere. Vivarini corre ai ripari e cambia tre giocatori oltre a Brunori che era entrato a inizio ripresa per Mancosu. Fra i tre nuovi c'è anche il veronese Luca Nizzetto, cresciuto nelle giovanili dell’Hellas. Al ventesimo, occasionissima per triplicare ma, Margiotta, dopo un’azione arrembante che ha visto protagonisti De Luca, Garritano e Ciciretti, si fa anticipare dal portiere. Aglietti nota che i suoi hanno perso un po' di smalto e quindi mette in campo forze fresche. Fuori un buon Obi per Bertagnoli e De Luca per Djordjevic. La mossa non da i risultati sperati infatti l’Entella riapre la gara. Rilancio lunghissimo di un difensore e, al limite della propria area, Gigliotti sbaglia il tempo di entrata e Brunori, trovata la strada libera, fulmina Semper. Nuovo doppio cambio nelle file clivensi fuori un eccellente Ciciretti per Di Noia e Margiotta per Fabbro. Si ridestano i giocatori di casa e, su traversone del sempre pericoloso Renzetti, il colpo di testa di Bertagnoli finisce alto. Il Chievo rallenta il gioco e cerca, con il possesso palla di far passare il tempo, tanto che nei quattro minuti di recupero la palla gira continuante fra i giocatori di casa mentre le lancette dell’orologio girano inesorabilmente. Al triplice fischio Aglietti, anche lui ex della gara, e i suoi ragazzi possono festeggiare i ventisette punti che li portano, in piena zona play off, in attesa delle gare di domani e, soprattutto dei recuperi con i Lanerossi Vicenza, martedì nella citta berica alle ore 19 e mercoledì 27, sempre alle 19, in casa, con il Cittadella con, nel mezzo sabato 23 la trasferta di Ascoli.