Il Consiglio Federale della Figc boccia l’iscrizione del Chievo che si aggrappa al CONI


Come era nelle aspettative il Consiglio Federale della Figc ha bocciato il ricorso del ChievoVerona avverso all’esclusione della squadra dal campionato di Serie B dopo il parere negativo espresso dalla Covisoc.  Dopo la prima bocciatura il Chievo aveva avanzato ricorso senza però poter produrre nuove documentazioni quindi era abbastanza evidente che ci sarebbe stato un verdetto negativo e il Consiglio Federale non poteva, per i poteri che ha, opporsi alla decisione della Covisoc. Adesso il Chievo potrà presentare ricorso al Collegio di Garanzia del CONI. Sia il Presidente Federale Gabriele Gravina sia quello di Lega Mauro Balata hanno dichiarato che la situazione è piuttosto grave quindi prima di esprimere giudizi, anche se entrambi si sono detti garantisti, è meglio aspettare il terzo grado di giudizio. Intanto il Chievo ha diramato un comunicato ufficiale dopo la decisione del Consiglio Federale di respingere il ricorso della società e quindi di non iscriverla alla prossima serie B. “L’A.C. ChievoVerona prende atto della decisione del Consiglio Federale della Figc e, ribadendo di aver operato in linea con le normative vigenti e federali per l’iscrizione al campionato di serie B 2021/22, annuncia di essere già al lavoro per presentare il ricorso al Collegio di garanzia del CONI”.