La grande prestazione degli esterni non sufficiente a rimontare la Roma.


 

Silvestri 6– Non indenne da colpe sul primo goal. Per il resto ordinaria amministrazione.  Rrahmani 6,5 – Come sempre un gigante sulle palle alte, purtroppo non preciso quando si trova nell’area avversaria.  Gunter 5,5- Un’incomprensione con Silvestri regala un angolo, poi compie un paio di ottime chiusure, ma rovina tutto con quell’ingenua trattenuta a Dzeko che regala il penalty alla Roma. Salterà Bergamo per squalifica.  Bocchetti 6,5- Autoritario e preciso, anche se si trova difronte giocatori velocissimi e molto agili, spende un’ammonizione per averci messo troppo il fisico. Faraoni 7,5- Grande partita, impreziosita dal goal del pareggio e da quello, purtroppo annullato, che avrebbe portato al vantaggio. Inesauribile sulla fascia autentico attaccante aggiunto. Amrabat 7- Solita prestazione super. Non si spaventa per il terreno insidioso e si produce in scatti e dribbling di alta scuola.  Pessina 6,5- Buona gara dell’ex atalantino che cerca di smistare palloni a destra e sinistra anche per mettere in difficoltà gli avversari su più fronti d’attacco. (Veloso 6- Ben tornato professore. Una ventina di minuti per riassaporare il clima partita.) Lazovic  7,5- Ancora una prestazione eccellente dell’ex genoano. La sua velocità, palla al piede, non trova mai ostacoli. Penalizzato dal Var, per un’inezia, che gli nega la gioia dell’assist per Faraoni del possibile vantaggio. Verre 5,5- Forse sentiva troppo la gara essendo nato e cresciuto nella squadra capitolina. Spreca una buona occasione con il portiere fuori dall’area perdendo tempo invece di cercare il tiro di prima intenzione. (Salcedo 6-  Entra per portare vivacità ma la difesa romanista è ben registrata.) Zaccagni 7,5- Ottima gara del romagnolo, per Juric la migliore della sua gestione. Serve l’assist del pareggio a Faraoni. Mette in continua apprensione, con le sue iniziative, la difesa. (Pazzini s.v- Dieci minuti per cercare il miracolo che, purtroppo, non arriva.) Di Carmine 6,5- Corre e combatte come non mai. Segna una bella rete, con una rasoiata violenta, ma c’era il fuorigioco.