ART Breaking NEWS

Le prestazioni super di Kubulla, Veloso e Tutino, danno un punto all'Hellas Verona


Silvestri 7– Intuisce il rigore ma nulla può. Si supera in un paio d’occasioni nel primo tempo poi, nella ripresa grande attenzione sulle uscite. Rrahamani 6,5 – Buon debutto del kossovaro. Presidia la sua zona con grande autorità. Preferisce rimanere a guardia del fortino. Kubulla 7,5- La scivolata dopo pochi secondi poteva distruggere chiunque. Il ragazzo non si è scomposto e ha messo la museruola a campioni di lungo corso come Palacio e Destro.  Dawidowicz 4- Preferito a Empereur commette un errore marchiano dopo una decina di minuti prima lasciandosi scappare Orsolini poi finendogli addosso. Il rigore è indiscutibile il rosso da rivedere. Comunque lascia la squadra in dieci quando mancano ottanta minuti alla fine. Faraoni 6,5- L’errore, nel tentativo di anticipare Orsolini, alla mezzora della ripresa, poteva essere sanguinoso, fortunatamente non lo è stato. Subito dopo si spinge in avanti e cerca il gran tiro che finisce alto. Henderson 6,5- Si becca un’ammonizione, dovuta più al nervosismo del dopo rigore che a un errore. Dimentica tutto e cresce con il passare dei minuti. Cerca il goal alla Maradona da centrocampo la palla sorvola di una spanna la traversa. Veloso 8- L’argentino, tutto fosforo, conquista il pareggio con una punizione capolavoro. La parabola sembra un arcobaleno che va a illuminare l’incrocio dei pali. Trasmette calma a tutti e diriga la squadra da novello Toscanini. Lazovic 6- Costretto più a difendere che a offendere vede limitate le sue doti. Solo in un’occasione si spinge in avanti e i difensori vanno in affanno. Zaccagni  s.v.- Rimane in campo solo quarto d’ora dimostrando di avere gamba e tanta voglia di far bene. Juric lo richiama per ridisegnare la difesa. (Bocchetti 7,5- Gran debutto per l’ex Spartak Mosca. Autorità, esperienza e fisico. Non trema mai negli assalti, seppur confusi, dei bolognesi. E’ un signor acquisto.) Verre 6- Non sembra ancora nella miglior condizione. Anche se denota dei progressi rispetto alla Coppa Italia. (Amrabat 7,5- Che debutto per il giocatore arrivato in settimana dal Bruges. Grinta, corsa, intraprendenza e paura nessuna. Subito l’idolo degli sportivi.) Tutino 8- Prestazione da incorniciare del giocatore arrivato in prestito dal Napoli. Corre e combatte, virtualmente da solo, contro la difesa avversaria per oltre ottanta minuti. Grande standing ovation quando Juric lo richiama.(foto) (Gunter s.v.- Dieci minuti per far rifiatare Tutino. In un ruolo non suo si adatta e aiuta i difensori soprattutto sulle palle inattive.)