Non basta un super Zaccagni per fermare il Sassuolo


Pandur 6,5–Subisce tre reti ma è assolutamente incolpevole, bene per il resto della gara. Dawidowicz 6 –La sua parte la fa sempre, non lascia spazio agli avversari, anche se è un po' ruvido.  Günter 5- Prestazione nettamente sotto tono del regista della difesa, in ritardo sul primo goal e, anticipato, sul secondo. Ceccherini 5,5- Sul primo goal si fa anticipare goffamente da Djuricic che lancia Raspadori. Cerca di appoggiare gli avanti ma non è preciso (Di Carmine 5,5- Avrebbe l’opportunità di accorciare le distanze, appena entrato, ma è in ritardo, forse si brucia l’ultima opportunità di restare a Verona.) Casale 6,5- Buon debutto nella massima serie per il ventitreenne nato a Negrar. Difende con ordine su un sempre pericoloso Boga e, nel primo tempo, serve una palla d’oro a Zaccagni. (Magnani s.v- Una ventina di minuti per l’ex di turno. Una volta esce bene dalla sua area poi però non è preciso nell’appoggio.) Hongla 6- Buon debutto nel campionato italiano del camerunense. Mediano di fatica ma non disdegna buone giocate. (Taméze 6- Gioca più avanti del camerunense e dialoga maggiormente gli avanti.) Veloso 5- Il professore stecca clamorosamente la prima. Se può essere giustificato sull’intervento che gli ha procurato il secondo giallo molto ingenuo invece sul primo, fallo tanto plateale quanto inutile. Lazovic 7- Dimostra di essere già in forma. Scambia alla grande con Zaccagni con il quale s’intende a meraviglia. Sulla punizione, simile a quella di Coppa Italia, la barriera gli devia il tiro. Pericolo costante per la difesa emiliana. Barák 6,5- Non ancora al meglio comunque per un’ora è sicuramente fra i migliori poi cala vistosamente. (Ilic- s.v.- Un quarto d’ora ma dimostra di essere scattante e particolarmente veloce. Non può che migliorare) Zaccagni 7,5 (foto)- Prestazione super del ragazzo di Viserba. Nel primo tempo non finalizza un bel servizio di Casale, poi però serve un assist straordinario a Kalinic che colpisce la traversa, si procura e trasforma alla grande il rigore poi segna una rete d’autore proprio sui titoli di coda. Indispensabile che rimanga in riva all’Adige. Kalinic 5- L’impegno c’è, però un attaccante non può, dall’area piccola, su un traversone al bacio colpire di testa e centrare la traversa, non c’entra la sfortuna è un goal mangiato. (Cancellieri 6,5- Il ragazzino debutta senza nessuna titubanza e, anzi, al primo minuto, s’invola e serve un assist perfetto a Zaccagni che trova però Consigli pronto. Poi viene un po' dimenticato dai compagni ed è un peccato.)