Nove giornate d'imbattibilità, 2020 straordinario per i gialloblù


Silvestri 6,5– Non deve compiere miracoli ma comunque sempre molto attento e padrone della sua porta. Rrahmani 7,5 (foto) – Okaka e Fofana la mettono sul fisico ma il kosovaro non si lascia impressionare e vince tutti i duelli.  Gunter 7,5- Si diceva fosse l’anello debole della difesa ma, giornata dopo giornata, si dimostra di livello altissimo. Vince i duelli con giocatori fisicamente più di lui e dirige con maestria. Kumbulla 7 – Sempre pericoloso sulle palle inattive che Veloso gli recapita con precisione millimetrica. Solo un super Musso gli nega la gioia della seconda rete in A. Qualche volta un po’ distratto in difesa, ma poi si riscatta.   Faraoni 7- Nel primo tempo un duro scontro con Musso lo blocca, per qualche minuto, poi stringe i denti e riprende la sua posizione. Meno preciso del solito.  Amrabat 7- A centrocampo superiorità numerica dei friulani lo costringe a un super lavoro ma il marocchino non s’impressiona e corre. Veloso 6- Ammonito salterà il Cagliari. Riposo che gli farà bene. Come sempre pericoloso sulle palle inattive. Lazovic 7- Un’azione, sul finire del primo tempo, merita di essere fatta vedere alle scuole calcio.  Mette in mezzo alcuni traversoni che fanno correre i brividi ai friulani. Pessina 5,5- Il gioiello scaligero denota una certa stanchezza e non rende ai suoi livelli. Meglio nella ripresa ma non arriva alla sufficienza. (Zaccagni 5- Subentra a Pessina per portare la sua dinamicità. Sciupa la più clamorosa occasione della partita quando, dopo aver saltato il portiere, evita di servire il libero Borini, preferendo il tiro quando quattro udinesi sono schierati sulla linea. Incredibile.) Verre 5,5- Cerca di confondere i difensori con il movimento continuo. Musso gli nega la possibilità di spingere in porta dopo la respinta su zuccata di Kumbulla. Più fumo che arrosto. (Stepinski s.v.- Torna in campo dopo sei giornate e dimostra di aver una gran voglia di far bene.) Borini 6,5- Nel primo tempo impegna ripetutamente Musso. Zaccagni non lo serve e poteva scapparci la vittoria.