Presentata la XVI edizione dell'Adigemarathon


<<We have a dream>> avevano un sogno, nel 2004, Bruno Panziera, Ettore Ivaldi, Alviano Mesaroli e Vladi Panato, quello di portare i canoisti, sport di cui erano grandi appassionati e interpreti, sull’Adige da Borghetto a Pescantina, ebbene questo sogno non solo si è avverato, ma quest’anno la manifestazione spegnerà 16 candeline. L’edizione di domenica 20 è stata presentata nella Sala Rossa della Provincia. Dopo il saluto del Presidente Manuel Scalzotto che, dopo essersi complimentato con gli organizzatori per una manifestazione che valorizza e fa conoscere a molti  territori e dei paesaggi indimenticabili, si è rammaricato per non poter partecipare assicurando, però, la sua presenza il prossimo anno. Vladi Panato, Presidente del Canoa Club Pescantina e C.T. della Nazionale Italiana di canoa fluviale, ha illustrato i dati tecnici della manifestazione che si snoderà sul classico percorso di 35 Km da Borghetto di Avio (Tn) per gli agonisti, mentre i ragazzi, gli amatori e gli appassionati di rafting, pagaieranno per 20 Km dall’Isola di Dolcè. Dopo il saluto dei Sindaci Davide Quarella, Pescantina, Massimiliano Adamoli, Dolcè, e Roberto Brizzi, Bussolengo. Sono intervenuti Mattia Fumaneri, consigliere comunale di Dolcè, che ha illustrato il lavoro di oltre 300 volontari che opereranno sia lungo il percorso sia nel villaggio della canoa a Pescantina, Ileana Cipriani, della Croce Rossa della Valpolicella, che ha ricordato come la C.R. sia sempre stata a fianco degli organizzatori e che anche quest’anno il servizio sarà svolto sia lungo gli argini sia in punti fissi del percorso. E’ stata la volta di Silvia Bacilieri, in rappresentanza della Fondazione Cattolica, che ha ricordato come da diversi anni, con grande soddisfazione, la Fondazione si sia legata all’Adigemarathon. Mirko Corrà, dopo aver portato il saluto di Acque Veronesi, ha ricordano come l’Ente sarà green partner della manifestazione fornendo erogatori per l’acqua e bicchieri di carta per evitare l’utilizzo di bottiglie di plastica, mentre Albino Armani, viticoltore della Valdadige, ha ringraziato gli organizzatori per il lavoro di promozione del territorio nel quale molti viticoltori operano per la produzione di un vino di  qualità. Bruno Panziera, uno degli ideatori della manifestazione ma questa volta in veste di Presidente Regionale della FICK (Federazione Italiana Canoa e Kayak), ha ricordato come il Comitato Regionale, proprio sull’onda del successo dell’Adigemarathon, la più importante competizione fluviale italiana e la seconda in Europa, ha deciso di organizzare una competizione similare, la Padova Watermarathon, che si disputerà nel giugno del 2020 in provincia di Padova. Un legame storico unisce l’Adigemarathon con la solidarietà e con i Lions Bussolengo, Pescantina, Sona il cui Presidente Francesco Colucci ha illustrato la lotteria benefica, lanciata per l’occasione, il cui ricavato sarà interamente devoluto all’Emporio della Solidarietà di Lugagnano rappresentato da Emanuela Schena che ha ricordato come l’attività dell’associazione sia rivolta a numerose famiglie del territorio in grande difficoltà economica.