Si sveglia Djordjevic ma benissimo Semper, Palmiero e Garritano


Semper 7,5- Contro il Brescia spettatore non pagante al Brianteo mette la sua firma sul successo negando per ben due volte la gioia del goal a Mata. Mogos 6,5- Mezzo punto in meno per l’errore, inizio ripresa, che permette a Mata di presentarsi solo davanti a Semper(foto), deve una cena al portierone. Poi prestazione da incorniciare partendo dalla clamorosa traversa colpita sul finire del primo tempo e per i continui affondo che mettono in crisi la difesa di Brocchi. Leverbe 5,5-Non una prestazione da ricordare per il francesino che vede le streghe con Mata. Accusato del rigore sembra, dalle riprese televisive, di non aver colpe ma soffre troppo il portoghese. Rigione s.v.- In campo per il turnover voluto da Aglietti esce dopo una ventina di minuti con la sospetta frattura del setto nasale. In bocca al lupo. (Gigliotti 7- Entra a freddo ma si dimostra caldissimo nel ruolo. Da incorniciare, all’ultimo minuto, quando s’immola sul tiro di Fossati, vale una rete. Si spinge spesso in avanti con buone trame.) Renzetti 7- La fascia sinistra è sua proprietà. Soffre quando deve difendere ma lo fa stringendo i denti. Calcia quasi tutte le palle inattive tra cui l’angolo dal quale nasce il pareggio. Canotto 6,5- Instancabile sulla fascia e questo gli annebbia un po' le idee al momento di concludere comunque serve una palla d’oro a Fabbro che trasforma per l’assist al goal del pareggio. (Ciciretti 7- Ha solo bisogno di smaltire qualche chilo e di essere maggiormente allenato. La classe non è acqua. Straordinario il doppio passo con il quale di beve due difensori in area prima di colpire un clamoroso palo. Diventerà devastante come quando imperversava nel Benevento.) Palmiero 7,5- Dirige la squadra come un Toscanini. Accelera e rallenta a seconda delle necessità. Calamita cento palloni e ne distribuisce il doppio. Grande acquisto della stagione. Obi 6- Rientra dopo la squalifica e dimostra di aver sempre il suo peso in squadra. Determinante il suo colpo di tacco che smarca Djordjevic per il goal del pareggio. (Zuelli s.v- Dieci minuti, più recupero, ma di personalità.) Garritano 7- Mezzo punto in meno per il goal mancato su assist al bacio di Djordjevic, fortunatamente il pallone torna fra i piedi del capitano, che non perdona. Macina chilometri su chilometri mettendo sempre in apprensione i difensori avversari. Fabbro 7- La solita mosca impazzita, velocità e aggressività le sue doti migliori. Bravissimo, su appoggio di Canotto, a mettere in mezzo un pallone violento che, toccato da Obi, diventa un Bacio Perugina per il goal del pari. (De Luca s.v.- Una ventina di minuti per mettere forze fresche in avanti compito svolto al meglio.) Djordjevic 7,5- Il capitano, tanto criticato nelle ultime gare, si riscatta alla grande trovando la doppietta. Bravo anche come assist man infatti mette praticamente in porta Garritano che non conclude, fortunatamente la palla torna al serbo che non perdona. Inizia l’azione che scatena la fantasia e la classe di Ciciretti. (Viviani s.v- Due minuti e Abisso lo manda subito a fare la doccia. L’entrata in scivolata non sembra particolarmente pericolosa ma, evidentemente, questo il nuovo metro usato dagli arbitri la scorsa giornata era toccato a Chiesa oggi a Viviani mah!)