Virtus Verona espugna Rimini. Rimini/Virtus Verona 1-2


Un colpo di spugna per cancellare il passato. Doveva essere così la trasferta della Virtus Verona contro il Rimini perché il ricordo della sconfitta nel ritorno dei play out non era stato completamente dimenticato. Vincere era fondamentale anche per un altro motivo: ripartire dopo la sconfitta nel derby contro il Lanerossi Vicenza.

Alla fine sono arrivati i tre punti per i rossoblù di Gigi Fresco che s'impongono per 2-1 in terra romagnola al termine di un match combattuto e con le due compagini che si sono date battaglia dall'inizio alla fine.

Nel primo tempo non si registrano azioni degne ne da una parte ne dall'altra, ma la Virtus perde per infortunio due giocatori: prima Marcandella, sostituito da Da Silva e poi Di Paola e al suo posto entra Casarotto.

Nella ripresa, passano solo otto minuti e i rossoblù segnano on una magia di Manfrin che lascia senza scampo il portiere del Rimini Scotti; i romagnoli non ci stanno e al 18' pareggiano con Van Ransbeeck. Passano altri cinque minuti e al 23' la Virtus Verona torna avanti: Manfrin, ancora lui, pennella un cross al bacio per Odogwu che di testa insacca.

Nel finale si scaldano gli animi: i rossoblù di Gigi Fresco potrebbero triplicare su rigore, ma Magrassi si fa ipnotizzare da Scotti. Il Rimini termina la gara in nove: espulsi l'autore del pareggio Van Ransbeeck e Candido, mentre nella Virtus Verona il cartellino rosso viene sventolato a Manfrin.

In classifica, la Virtus Verona sale a 10 punti e aggancia Ravenna, Triestina e Cesena con quest'ultima che giocherà il posticipo questo lunedì contro il Lanerossi Vicenza. 

Negli altri incontri, non si ferma la corsa del Padova, che supera anche l'ostacolo Arzignano Val Chiampo; il Suditirol batte il Modena e sale al secondo posto, approfittando così del mezzo passo falso del ReggioAudace, che pareggia contro il Gubbio. Si ferma la marcia della Triestina, sconfitta in casa dal Ravenna mentre la Sambenedettese rifila quattro reti al Piacenza.  

Nel prossimo turno, la Virtus Verona tornerà a giocare fra le mura amiche e al Gavagnin Nocini arriverà il Vis Pesaro.