ART Breaking NEWS

Chievo / Parma 2-3


Incredibile sconfitta del Chievo che, pur in vantaggio per oltre un’ora, perde in casa con il Parma che conferma la sua tradizione favorevole al Bentegodi. Corini conferma la formazione che aveva sbancato Napoli e, l’inizio della gara, gli da ragione. I clivensi partoni a mille e, al terzo, sono già in vantaggio. Grande percussione sulla fascia sinistra di Lazarevic che, giunto sul fondo, prima s’accentra poi traversa verso il secondo palo, dove arriva indisturbato Izco che insacca. La reazione dei ducali non si fa attendere e, al quarto d’ora, ci vuole un super Bardi per allontanare, con un gran balzo, un colpo di testa di Cassano, destinato alla rete. Gli attacchi del Parma non impensieriscono i gialloblù che hanno, da parte loro, grandi opportunità di contropiede. Al venticinquesimo dopo una velocissima azione di Lazarevic, Maxi Lopez cerca il secondo palo ma il pallone accarezza la base del palo e finisce sul fondo. Alla mezzora il Parma pareggia con Lucarelli ma, il suo decisivo tocco di mano, è rilevato dall’arbitro che annulla e lo ammonisce.  Il tempo si chiude con un bel salvataggio di Frey su pericoloso traversone di Cassano. La ripresa inizia come la prima frazione di gioco e, Maxi Lopez, imbeccato da Izco, impegna Mirante in una facile parata. Poco prima del ventesimo le mosse che cambiano la partita. Donadoni richiama gli opachi Lodi e Belfodil per Galloppa e Coda e, proprio i nuovi entrati, scompigliano i giochi di Corini che tarda invece nei cambi nonostante Radovanovic, Izco e Lazarevic sembrino molto affaticati. Radovanovic, davanti all’area del Parma, si fa rubare palla da Coda che s’invola verso l’altra parte del campo, giunto al limite serve Cassano che con una doppia finta si libera di Dainelli e mette il pallone all’incrocio dei pali. Corini richiama Radovanovic e Birsa per Cofie e Botta ma la squadra accusa ancora il pareggio e, in due minuti, con una serie  di errori permette al Parma di passare in doppio vantaggio, alla mezzora con Coda e un minuto dopo con Fantantonio Cassano. Corini gioca la carta Paloschi per Izco e, proprio il super bomber, a nove dalla fine, accorcia le distanze. La squadra di Donadoni si chiude bene mentre i clivensi non riescono più a rendersi pericolosi. Sconfitta che brucia dopo esser stati in vantaggio per oltre un tempo. Buona prova di Maxi Lopez e di Lazarevic mentre, sotto tono, è apparso Birsa. Tardivi gli interventi di Corini nella ripresa.